Economia » Ottana

Ottana, l'impianto termodinamico riconosciuto "eccellenza europea"

Martedì 24 Aprile alle 14:21 - ultimo aggiornamento alle 16:45


La visita all'impianto

L'impianto solare termodinamico e fotovoltaico che è stato ralizzato a ridosso dell'area industriale tra Ottana e Noragugume è un esempio a livello mondiale, oltre a essere una eccellenza europea.

Lo ha stabilito la Commissione europea che sta verificando l'andamento di spesa e progetti della programmazione dei fondi Fesr.

Quello di Ottana è un impianto solare unico nel suo genere per le dimensioni, i livelli di potenza e per l'integrazione delle tecnologie.

L'assessore alla Programmazione Raffaele Paci, con il sindaci di Ottana e Noragugume Franco Saba, e Federico Pirosu e altri amministratori del territorio, l'incaricato di Bruxelles Silvia Rescia e il rappresentante dell'Agenzia per la Coesione territoriale Edmondo Mone hanno accompagnato i componenti della Commissione nel sopralluogo all'impianto, realizzato con 6 milioni e 600mila euro di cui la metà europei.

Un modello, è stato più volte sottolineato, che può essere replicato con successo in altre zone della Sardegna.

Erano presenti i rappresentanti dell'Enas, Sardegna Ricerche, Università di Cagliari e assessorato all'Industria, oltre all'autorità di gestione del Fesr.

"È un bell'esempio di come si può rilanciare il sistema produttivo locale - dice il vicepresidente della Regione Raffaele Paci - c'è alta tecnologia che riesce a garantire energia pulita, rinnovabile, che serve le imprese ancora localizzate qua e che potrà servire le aziende che ci auguriamo possano continuare a insediarsi ma che è importante anche per i cittadini, per il nuovo modo di distribuirla e per l'abbattimento dei costi. Allo stesso tempo con questo impianto, riconosciuto come eccellenza dall'Europa, si fa ricerca. E si utilizzano aree non agricole, perché su quelle invece vogliamo rilanciare l'agricoltura, anche quella ad alta tecnologia".

Loading...
Caricamento in corso...