Economia » Trexenta

Trexenta: 71 milioni di euro dalla Regione per strade, ferrovie e scuole

Sabato 21 Aprile alle 13:51 - ultimo aggiornamento alle 14:44


Fabrizio Mereu, Raffaele Paci e Adalberto Sanna

La Trexenta progetta il suo futuro, per creare lavoro, combattere lo spopolamento e integrare le fasce più deboli della popolazione.

Lo fa all'interno della programmazione territoriale della Regione, avviando il tavolo istituzionale allargato al partenariato economico e sociale. I Comuni di Gesico, Guamaggiore, Guasila, Ortacesus, Pimentel, Selegas, Senorbì, Siurgus Donigala e Suelli, associati in un'unica Unione, e poco più di 16mila abitanti per un unico progetto, presentato all'assessore della Programmazione Raffaele Paci ospite del sindaco Adalberto Sanna, a Casa Lonis a Senorbì.

Il progetto punta a innescare processi sinergici nei settori del patrimonio archeologico-naturalistico, agroalimentare e storico-culturale del territorio per generare processi virtuosi in campo economico. "Abbiamo già stanziato per la Trexenta 71,5 milioni di euro", ha detto Paci.

In particolare, 46 milioni e 800mila euro del Patto per la Sardegna permetteranno di realizzare il bivio di Senorbì e il bivio di Monastir sulla Statale 128; 20 milioni sono destinati a controllo e sicurezza delle linee ferroviarie regionali; 4,3 milioni finanziano le politiche di Iscol@ e 230mila la manutenzione delle strade.

"È un passo avanti, ma dobbiamo fare molto di più per la salute, il turismo, la cultura e le strade", è il commento di Fabrizio Mereu, presidente dell'Unione dei Comuni della Trexenta.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook