Economia » SAN QUIRICO

Termodinamico di San Quirico, vertice tra Comune di Oristano e Regione

Mercoledì 20 Dicembre 2017 alle 20:09


Il Comune di Oristano è pronto a battersi contro il progetto dell'impianto termodinamico di San Quirico.

Il sindaco Andrea Lutzu ha incontrato questa sera a Cagliari il presidente della Regione Francesco Pigliaru, gli assessori regionali all'Ambiente Donatella Spano e all'Industria Maria Grazia Piras per discutere del progetto che proprio qualche settimana fa ha avuto il via libera della Giunta regionale dopo che l'iter della Valutazione di impatto ambientale si è conclusa positivamente.

Ora è emerso un altro particolare importante: la variante urbanistica per il progetto non sarebbe necessaria perché rientra nell'autorizzazione unica, l'ultimo passaggio del lungo iter per le autorizzazioni all'iniziativa della San Quirico solar power. In questa nuova fase però ci saranno altre conferenze di servizio in cui il Comune di Oristano potrà ribadire la propria contrarietà.

"Apprezzo la disponibilità della Regione al confronto e anche se, dal punto di vista tecnico l’iter si è concluso correttamente, sarebbe inaccettabile se il Comune non potesse decidere la pianificazione

urbanistica del proprio territorio", ha osservato il sindaco Lutzu . Aggiungendo. "È gravissimo che nelle conferenze di servizio che hanno accompagnato l’iter della Via, la posizione di contrarietà del Consiglio comunale non sia stata rappresentata conseguentemente. Nelle prossime conferenze di servizio che accompagneranno l’autorizzazione unica la nostra contrarietà emergerà in maniera inequivocabile".

Mercoledì 27 dicembre, intanto, i consigli comunali di Oristano e Palmas Arborea si riuniranno in una seduta congiunta per dare maggiore forza alla contrarietà delle due comunità al progetto della San Quirico Solar power.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • alexander5 21/12/2017 09:09:01

    impianto dannoso in partenza; decine di ettari di terreno sottratti a flora e fauna. Per funzionare servirà bruciare 75 tonnellate di legna al giorno (da dove la prendono?) e, particolare mai abbastanza sottolineato, può essere usato anche per bruciare rifiuti anche provenienti dall'italia i cui effetti andranno nei polmoni dei Sardi. Grazie Pigliaru, Tendas, Spano, Piras e tutti quelli che hanno reso possibile tale progetto in una località che ospita agricoltori allevatori e fattorie didattiche