Economia » Italia

Conti pubblici, la lettera dell'Ue all'Italia: "Il debito resta preoccupante"

Mercoledì 22 Novembre 2017 alle 12:44 - ultimo aggiornamento Mercoledì 22 Novembre 2017 alle 14:43


L'Italia - così come Belgio, Austria, Portogallo e Slovenia - presentano nelle rispettive leggi di bilancio "una deviazione significativa dal percorso di aggiustamento verso l'obiettivo a medio termine" su conti pubblici.

In particolare, spiega la Commissione Ue che ha illustrato il pacchetto autunnale del Semestre europeo, "il persistere dell'elevato livello di debito pubblico è motivo di preoccupazione".

In una lettera indirizzata al ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, il vicepresidente Valdis Dombrovskis e il commissario agli Affari economici Pierre Moscovici hanno comunicato che la Commissione intende procedere, nella primavera del 2018, a una nuova valutazione della conformità del nostro Paese al parametro per la riduzione del debito, fa sapere Bruxelles.

Inoltre, Moscovici e Dombrovskis chiedono a Roma di attenersi "alle importanti riforme di bilancio strutturali, come quella delle pensioni che supporta la sostenibilità a lungo termine del debito".

Le regole comunitarie prevedono infatti che gli Stati comunitari debbano mantenere il rapporto debito/Pil entro il 60%, mentre al momento in Italia si trovava al 132,1%, un valore che ne fa il secondo debito più alto dell’Ue.

"La Commissione non è qui per creare problemi o designare colpevoli, ma per trovare delle soluzioni nel dialogo", ha inoltre aggiunto Moscovici a proposito lettera inviata all'Italia.

"Ci sono degli scarti e questi devono essere colmati", ha spiegato, adottando "le misure necessarie a aggiustare il loro percorso di bilancio".

Per l'Italia questo potrebbe significare un'ulteriore correzione di 0,3 punti percentuali del Prodotto interno lordo e in un impegno per una manova-bis che vincoli fin da subito il prossimo governo. Se ciò non dovesse accadere, l'Europa potrebbe aprire una procedura d'infrazione.

(Redazione Online/F)

 
jean claude juncker
Conti, Gentiloni risponde all'Ue: "Non siamo più il fanalino di coda"

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • Shaggy66 22/11/2017 18:21:51

    C.V.D. Chiunque vincerà le elezioni se ne leccherà le dita, altro che bonus 80 Euro o bonus bebè. Per quanti strilleranno che anche la Germania è "cattiva" avendo un surplus commerciale, quasi tutto extra UE, rispondo che questo surplus è motivo di squilibri macro economici che la Commissione ha il compito di segnalare ed eventualmente correggere mentre il deficit eccessivo è una infrazione ai trattati e alla normativa secondaria derivata e può portare ad una procedura sanzionatoria.