Notizie » Argentina

Tra i sardi d'Argentina
col progetto "Todo cambia"

Sabato 04 Agosto alle 09:46 - ultimo aggiornamento Domenica 05 Agosto alle 10:15


Nella foto, dall'alto a sinistra: Tonino Mulas, Marga Tavera, Giacomo Serreli, Angela Solinas, Eliana Sanna. In basso Franco Mameli, Stefano Cirino ed Ettore Melis dei Taifa, e Fernando Sanchez, musicista di Tucuman

A Buenos Aires, all'auditorium del Foro de las Ciencias y las Artes, si è svolto il concerto dal titolo "Canto Social de mujeres entre dos mundos", con il gruppo Taifa e la cantante Eliana Sanna. Nell'occasione, è stato anche presentato il cd "Todo cambia", pubblicato da L'Unione Sarda (media partner del progetto) in collaborazione con la Fasi, la federazione della associazioni sarde in Italia, e quella argentina.

La serata è stata una sorta di omaggio a tre grandi artiste: Maria Carta, Mercedes Sosa e Violeta Parra.

La visita al circolo di Tucuman prima del concerto: da destra Vittorio Vargiu (della Consulta regionale dei sardi nel mondo), Sarita Vargiu, Tonino Mulas, Ettore Melis, la presidente Daniela Vargiu, Stefano Cirino, Giacomo Serreli e Franco Mameli)
La visita al circolo di Tucuman prima del concerto: da destra Vittorio Vargiu (della Consulta regionale dei sardi nel mondo), Sarita Vargiu, Tonino Mulas, Ettore Melis, la presidente Daniela Vargiu, Stefano Cirino, Giacomo Serreli e Franco Mameli)

Hanno partecipato all'evento, oltre agli artisti e a Fernando Sanchez, percussionista di Tucuman: Tonino Mulas (presidente onorario della Fasi e curatore del progetto); Marga Tavera (presidente della Federazione dei circoli sardi in Argentina), Giacomo Serreli (direttore artistico della fondazione Maria Carta), Angela Solinas, tesoriera del circolo sardo di Buenos Aires.

Il foyer del teatro di Buenos Aires
Il foyer del teatro di Buenos Aires

(Unioneonline/s.s.)

 
la cantante eliana sanna
"Todo cambia", il cd di Eliana Sanna e i Taifa insieme a L'Unione Sarda

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook