Cultura » Ozieri

Ozieri, riprendono gli scavi nell'area canonica di Bisarcio

Mercoledì 22 Agosto alle 21:37


Panoramica di Bisarcio

Una squadra di 25 persone ha ricominciato i lavori del Progetto Bisarcio e della Campagna di scavo 2018.

I lavori proseguiranno sino al 21 settembre e saranno visitabili sino al 20 settembre dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 21, grazie alla collaborazione tra l'Università di Sassari e l'Amministrazione Comunale di Ozieri, sotto la sorveglianza della Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio per le province di Sassari Olbia Tempio e Nuoro.

La campagna di scavo di Bisarcio si svolge nell'area della canonica vescovile medievale. Vuole approfondire la conoscenza dei tempi e dei modi dell'impianto delle strutture vescovili sul colle di Bisarcio e delle sue connessioni con le fasi altomedievali.

Lo scavo del cimitero medievale di Bisarcio, che ha già restituito sepolture dalle caratteristiche particolari e rare, intende far emergere le condizioni di salute, le patologie, l'alimentazione e le attività lavorative della popolazione del vicino villaggio medievale.

Il direttore scientifico del progetto e dei lavori sul campo è Marco Milanese, direttore del Dipartimento di Storia, Scienze dell'Uomo e della Formazione e Ordinario di Archeologia medievale nell'Università di Sassari.

Il funzionario archeologo di zona della Soprintendenza è Nadia Canu.

Lo scavo è realizzato dal gruppo di ricerca diretto dal professor Milanese e coordinato dagli archeologi medievisti dell'Università di Sassari Alessandra Deiana e Maria Chiara Deriu, dal direttore del Museo Archeologico di Ozieri e dall'antropologa Anna Bini.

La squadra è composta da docenti, archeologi, dottori di ricerca, dottorandi e studenti dei Corsi di laurea in Scienze dei Beni Culturali (triennale), di Archeologia (magistrale) e della Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici Nesiotika (sede di Oristano) dell'Università di Sassari, con la partecipazione di una laureata dell' Universidade do Estado do Rio de Janeiro (UERJ).

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook