Cultura » Svizzera

Maternità e maxi congedo, la proposta Svizzera: 38 settimane ai neo-genitori

Mercoledì 22 Agosto alle 16:04


Immagin simbolo

"Anche in questo caso, una lezione di futuro dalla Svizzera". Non usa mezze parole su twitter il vicepremier Matteo Salvini a commento della notizia relativa al maxi congedo per maternità proposto, nei giorni scorsi, dalla Svizzera.

La Commissione Federale per le Questioni Famigliari del paese elvetico è infatti convinta che il modello di benefit ai dipendenti attraverso lauti stipendi sia ormai superato, e sia meglio puntare su servizi che migliorino, invece, la qualità della vita dei dipendenti.

Per questo motivo ha proposto al Governo elvetico l’introduzione del congedo per maternità per ben 38 settimane.

Il congedo riguarderebbe entrambi i genitori, e sarebbe così distribuito: 14 settimane per la madre, come peraltro già avviene, ma anche 8 settimane per il padre e le restanti 16 da suddividere tra la neo-mamma e il neo-papà e sulla base delle esigenze.

I congedi verrebbero remunerati nella misura dell’80% dello stipendio, e sarebbero utilizzabili nei tre anni successivi alla nascita del bambino.

Una proposta coraggiosa e senz’altro onerosa, con un costo quantificato in un miliardo e mezzo di franchi, circa 1,3 miliardi di euro, ma cui, alla Commissione Federale, sono certi si potrebbe far fronte.

“La ripagheremmo, interamente, con le ricadute fiscali derivanti dalla possibilità che verrebbe data, alle donne, di tornare a lavorare dopo il parto e in anticipo rispetto a quanto accade oggi oggi. Questo perché il marito così ha più tempo a disposizione per fare il padre”.

Oggi, in Svizzera, non esiste infatti alcun congedo per paternità.

La questione dovrà comunque essere decisa dai cittadini per via referendaria.

(Unioneline/v.l.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • user219087 23/08/2018 09:44:07

    Questa e´democrazia, l´ultima parola ai cittadini . in Italia si fanno i referendum e non si accetta il risultato o non si fa per niente per paura del risultato