Cultura » Sardegna

"I giardini di Leverkusen": in edicola il quarto volume de "La calda estate di carta"

Venerdì 10 Agosto alle 10:41 - ultimo aggiornamento alle 22:23


Lo scrittore Ilario Carta

Quarto appuntamento con "La calda estate di carta", la collana estiva legata alla "Biblioteca dell’identità" e dedicata ai narratori della Sardegna.

Il libro scelto dall'Unione Sarda, in edicola domani a 4,80 euro oltre al prezzo del quotidiano, è "I giardini di Leverkusen" di Ilario Carta, una sorta di romanzo di formazione e con genesi autobiografica.

Memore della sua personale esperienza in terra teutonica, l'autore dà vita a "una storia che vuole dare dignità alla moltitudine eroica degli emigrati italiani che negli anni '60, senza cellulare, Internet, voli low cost, hanno cercato di fare crescere i figli in modo più o meno normale".

Siamo nel giugno 1972 e Antero Congéra, 15 anni, parte dal molo di Cagliari per raggiungere il padre in Germania. La scuola è finita e le vacanze estive le passerà in fabbrica a lavorare.

La copertina del libro
La copertina del libro

Lui è il tipico adolescente della sua epoca, un mix di contrasti, dubbi e certezze, che lo portano a essere supponente, arrogante, permaloso, a volte razzista e ingenuo, debole e sensibile al contempo.

Nel viaggio che intraprende vede più che altro un occasione di avventure, ma la realtà che si troverà di fronte, a Leverkusen, gli farà scoprire che la vita dell'emigrato è fatta spesso di degrado, ristrettezze, emarginazione.

Tra situazioni divertenti, episodi drammatici, piani architettati per far pagare ai "crucchi" la loro insensibilità nei confronti degli stranieri, Antero imparerà ben presto che l'esistenza è ben più complessa di quanto potesse immaginarsi.

Ilario Carta, di Iglesias, è laureato in materie letterarie e lavora da sempre nell'ambito delle politiche sociali. Appassionato di storia contemporanea e letteratura, da oltre una decina di anni si dedica alla scrittura a cui riserva praticamente ogni momento libero. "I giardini di Leverkusen", del 2015, è stato il suo fortunato romanzo di esordio.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

2 commenti

  • sardotoni 11/08/2018 09:29:53

    Ma quale imperatore Giapponese ?? Il giardino lo fece costruire, all inizio del novecento, un certo Carlo Duesberg un direttore di una ditta di vernici. Al rientro da un giro del mondo lo fece ingrandire arricchendolo con lo stile, e piante portate dal Giappone, sul suolo della ditta Bayern AG.
  • pietrenko 10/08/2018 17:16:17

    trattasi del giardino che fu donato dall'imperatore giaponese,,???