Cultura » Provincia di Messina

Archeologi francesi scoprono un teatro antico in Sicilia, l'annuncio su Facebook

Lunedì 23 Luglio alle 13:06


L'immagine della zona postata dagli archeologi

Un nuovo teatro antico scoperto a Tusa, in Sicilia.

L'annuncio è arrivato via Facebook dagli archeologi francesi della "Mission Archéologique Française d'Halaesa – MAFHA". "Notizia importante", hanno scritto gli archeologi. "Molto orgogliosi e fieri di annunciare che la Sicilia conta un teatro in più ed è qui…a Haalesa/Tusa, e l’abbiamo finalmente trovato".

Dopo un anno di lavori effettuati anche con numerosi strumenti scientifici all'avanguardia, gli archeologi sono in particolare arrivati alla prova finale: scavando "con una pala meccanica una grande trincea lunga più di 50 metri e larga due metri" hanno riportato alla luce una seduta della cavea e il muro che delimitava il piano dell'orchestra del teatro, fiancheggiato da un marciapiede. La struttura si trova a valle dei cosiddetti "contrafforti" posti a Nord dell'agorà, dove da molto tempo si riteneva potessero trovarsi i resti del teatro.

La scoperta arriva in un'area dove, da tempo, lavora anche una missione inglese guidata da Jonathan Prag dell'Università di Oxford, e che ha recentemente rilevato la presenza di un tempio dedicato ad Apollo.

Un ulteriore riconoscimento storico, dunque, per il territorio in provincia di Messina, strategicamente importante nel passato in quanto luogo "sentinella" per fronteggiare eventuali incursioni dei Cartaginesi nella zona.

Non a caso, la moneta locale riportava un'effige con una colonna sormontata da un cane e volta a ricordarne la sua funzione di controllo del territorio, simbolo che ancora oggi è presente nello stemma comunale di Tusa.

Numerose le visite al sito archeologico dopo l'annuncio della scoperta, immortalate, anche questa volta, sulla pagina Facebook degli archeologi francesi.

GUARDA IL POST:

Il post di annuncio della scoperta degli archeologi francesi

(Unioneonline/v.l.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook