Cultura » Provincia di Bergamo

Mistero dell'arte svelato: spunta una tela di Mantegna da 25 milioni di dollari

Martedì 22 Maggio alle 17:44


Le due opere "gemelle" di Mantegna

Dopo più di un secolo d'oblio, un tavola acquisita dalla prestigiosa Accademia Carrara di Bergamo a metà '800 e considerata finora un'opera di bottega è stata ora attribuita nientemeno che ad Andrea Mantegna, grazie al piccolo dettaglio di una croce interrotta su un margine che ha permesso di identificare l'opera raffigurante la Resurrezione con la parte superiore della "Discesa di Cristo al Limbo" dell'autore della "Camera degli Sposi" del Palazzo Ducale di Mantova.

Un puzzle artistico finalmente svelato, e un quadro che trova così la meritata visibilità, dopo esser stato rinchiuso negli archivi della prestigiosa pinacoteca bergamasca, che ospita, tra gli altri, artisti come Giovanni Bellini, Lorenzo Lotto o Gian Battista Moroni, oltre ad altre opere del Mantegna.

Il post sulla scoperta dell'assessore alla Cultura di Bergamo, Nadia Ghisalberti

L'ultimo di una serie di casi di "scoperta" o riscoperta di capolavori nascosti, grazie agli studi dello storico dell’arte e conservatore della collezione Carrara Giovanni Valagussa e della sua equipe, per la pubblicazione del catalogo Accademia Carrara, Bergamo Dipinti Italiani del Trecento e del Quattrocento.

A confermare l'attribuzione anche il maggior esperto mondiale di Mantegna Keith Christiansen del Metropolitan Museum of Art di New York, che ha permesso al Wall Street Journal di dare la notizia in esclusiva.

Una notizia clamorosa, come le prime quotazioni date, tra i 25 e 30 milioni di dollari: niente male per un'opera che finora era stata assicurata per "soli" 30mila euro.

(Unioneonline/b.m.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook