Cultura » Nuoro

"Queeresima", da Nuoro a Cagliari per difendere i diritti di tutti

Giovedì 17 Maggio alle 12:14 - ultimo aggiornamento alle 15:30


La conferenza stampa in Comune. Da sinistra: Carlo Cotza, Carlo Dejana, Paolo Frau, Silvia De Simone e Elisabeth Green

Prenderà il via per la prima volta da Nuoro la Queeresima, la manifestazione itinerante che fino al 7 luglio attraverserà la Sardegna con una serie di eventi per la promozione delle cultura e del rispetto delle differenze, con particolare attenzione per quelle delle persone lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e queer.

A chiudere il calendario di appuntamenti sarà il Sardinia Pride che si svolgerà a Cagliari il 7 luglio.

I dettagli della manifestazione sono stati illustrati questa mattina durante una conferenza stampa che si è svolta in Comune. Il tema scelto per la settima edizione di Queeresima è quello della "visibilità, perché nonostante le tante battaglie portate avanti negli ultimi anni sono ancora troppe le persone alle quali è negata la libertà di esprimere se stesse".

L'incontro con la stampa è stato aperto dall'assessore comunale Paolo Frau che ha sottolineato "l'urgenza di attività che abbiano come obiettivo la lotta alla discriminazione che è ancora presente soprattutto all'interno delle famiglie".

A Carlo Dejana e Carlo Cotza dell'Arc il compito di illustrare gli eventi che toccheranno anche i comuni di Assemini e Carbonia.

Numerose le associazioni e gli enti coinvolti: tra questi la chiesa evangelica di Cagliari, rappresentata dalla pastora Elisabeth Green e l'associazione Famiglie Arcobaleno che ha come referente cittadina Silvia De Simone.

Il primo appuntamento è fissato per domani a Nuoro, ore 20.30, con la proiezione del film Pride. Non solo, perché il capoluogo barbaricino verrà attraversato da un corteo che partirà alle 18 da piazza del Rosario.

 
Giornata mondiale contro l'omofobia: Italia agli ultimi posti in Europa per i diritti Lgbt

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

5 commenti

  • Akenar 19/05/2018 23:51:38

    X Ribelle 64: in realtà sono omosessuale e partecipo a molte manifestazioni LGBT, oltre la Queeresima e il Pride. Il mio intervento era tutt'altro che ironico, lo definirei: sincero. Non sempre interpretare i commenti con occhio prevenuto porta alla reale comprensione del commento stesso. Spesse volte il "beneficio del dubbio" e un pizzico di umiltà, nel rendersi conto che la propria lapidaria opinione non è sempre quella corretta, aiuta a non cadere nella superba certezza di essere nel giusto.
  • Ribelle64 18/05/2018 13:23:29

    Per Akenar: Qualche problema in merito?.. si sente minacciato come individuo da queste iniziative, da queste persone?? Le danno un concreto fastidio???.. come a tutti coloro che,m'immagino se lo faranno, si daranno a commenti intrisi di "simpatica" ironia e/o peggio, di altro...
  • user0000001 18/05/2018 12:41:22

    Il film Pride e' bellissimo. Assolutamente da vedere per chi se lo fosse perso. E' un film un po' datato della Gran Bretagna conservativa di margaret thatcher, ma decisamente attualissimo per la situazione attuale in Italia. Guardatelo se ne avete l'occasione.
  • Giano 18/05/2018 10:24:11

    Una vera e propria campagna propagandistica continua ed assillante, a favore di gay, lesbiche, trans e dintorni, spacciando la diffusione culturale delle perversioni dietro la bandiera della difesa dei diritti. Gli altri, invece, non hanno il “diritto” di contestarli; sarebbe omofobia. Giusto?
  • Akenar 17/05/2018 21:56:10

    Non vedo l'ora :D