Cultura » Tuili

Tuili, restaurato l'antico retablo della chiesa di San Pietro

Giovedì 29 Marzo alle 19:39 - ultimo aggiornamento alle 22:21


Torna a splendere l'antico retablo della chiesa di San Pietro di Tuili.

Il progetto di restauro, portato a termine grazie al programma Restituzioni, promosso dalla fondazione Intesa San Paolo, ha riconsegnato alla comunità del Cagliaritano un'opera dallo straordinario impatto devozionale.

La serie di immagini sacre, datate 1500 circa e dipinte tempera e olio su tavola, fanno parte di una grande pala originariamente collocata nel presbiterio della chiesa.

Spostata poi, nel Settecento, in una cappella laterale per far posto ai lavori di costruzione dell'altare in stile barocco.

L'opera di restauro è riuscita così a recuperare le splendide cromie dei dipinti, sbiadite dall'inclemente scorrere del tempo, per la gioia dei fedeli sardi ma anche di tutt’Italia, visto che il retablo potrà essere ammirato nell'esposizione - intitolata anch'essa Restituzioni - alla Reggia di Venaria (Torino) fino al 16 settembre.

(Unioneonline/DC)

LE IMMAGINI:

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • rosalux 30/03/2018 10:54:25

    Fa piacere che un retablo così meraviglioso (in particolare, la Vergine raffigurata nel pannello centrale è di una delicatezza e di una dolcezza infinita) sia stato riportato agli antichi splendori. Complimenti e grazie a chi si è assunto l'onere e anche l'onore di questo importante restauro.