Cultura » Italia

Ettore Majorana, un mistero lungo 80 anni

Giovedì 29 Marzo alle 18:14 - ultimo aggiornamento alle 22:22


Ettore Majorana

Il caso di Ettore Majorana è uno di quei misteri che non smettono di affascinare e stimolare le ipotesi più disparate, perché la sua scomparsa risale a un'epoca fitta di trame oscure, quella del fascismo al suo culmine, a pochi anni dallo scoppio della guerra, e perché dietro la figura di questo fisico prodigioso e riservatissimo c'è la storia della ricerca scientifica che qualche anno più tardi porterà alla bomba atomica.

Gli ingredienti perfetti per un romanzo giallo, se non fosse che quel 27 marzo del 1938, dopo essersi imbarcato sul traghetto Tirrenia diretto a Napoli, Ettore Majorana è scomparso davvero.

E da allora di lui non si è saputo più nulla.

Della sua vita precedente si sa che mostrò doti matematiche fin dall'infanzia, che approdò alle facoltà di ingegneria e fisica laureandosi con un certo Enrico Fermi, che poi sarebbe stato la sua guida nello storico gruppo dei Ragazzi di via Panisperna, i giovani talenti della scienza che collaborarono alla scoperta dei neutroni lenti, gettando le basi per la costruzione del primo reattore nucleare e della bomba atomica.

Il gruppo di colleghi di Majorana a via Panisperna: da sinistra D'Agostino, Segré, Amaldi, Rasetti ed Enrico Fermi
Il gruppo di colleghi di Majorana a via Panisperna: da sinistra D'Agostino, Segré, Amaldi, Rasetti ed Enrico Fermi

E la fisica nucleare diventa il campo d'indagine prediletto da Majorana, a Roma e poi a Lipsia, dove collabora con l'illustre professore Werner Heisemberg ed è testimone della violenza nazista. Dopo aver detto no alle proposte di prestigiose università americane, sceglie di stabilirsi a Napoli mentre lentamente si chiude sempre più in se stesso, concentrandosi in modo ossessivo sulla ricerca nel campo dei neutrini.

Poi la scomparsa e il mistero su cui indaga il capo della polizia di allora Arturo Bocchino, incaricato personalmente da Benito Mussolini. Tra le ipotesi c'è anche quella del suicidio, avallata da un messaggio destinato ai familiari in cui Majorana scrive: "Ho un solo desiderio: che non vi vestiate di nero".

Da allora è stato detto e scritto di tutto, dagli avvistamenti in Germania e Argentina al rapimento e alla fuga in un convento, ma 80 anni dopo nessuno è riuscito a mettere davvero la parola fine al caso Majorana.

(Unioneonline/b.m.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

3 commenti

  • user238446 10/04/2018 20:27:59

    L'allievo di Ettore Majorana si chiama Rolando Pelizza e la sua storia con tutte le prove pubblicate sono reperibili al sito www.majorana-pelizza.it .
  • user221837 30/03/2018 13:17:46

    user...446 , e chi sarebbe questo prodigioso allievo/erede ? grazie in anticipo.
  • user238446 29/03/2018 22:14:10

    Spiace constatare che nessuna testata riporti l'unica versione vera e ricchissima di prove, con documenti, foto e video con perizia giurata, dozzine di lettere scritte da Majorana anch'esse periziate come autentiche, dozzine di testimoni ancora in vita e nessuno parla del fatto che Majorana si sia ritirato nel convento di Serra San Bruno In Calabria e nel 1958 ha conosciuto quello che sarebbe diventato il suo allievo. P er anni lo ha istruito con una nuova fisica e una nuova matematica