Cultura » Provincia di Milano

Settimana della moda, teste mozzate nella sfilata choc di Gucci

Giovedì 22 Febbraio alle 12:50


Una delle modelle in passerella

Sfilata choc nella seconda giornata della Settimana della moda di Milano, in corso fino al 26 febbraio. A metterla in scena la maison Gucci, che ha allestito gli spazi a disposizione di abiti e modelle in una finta sala operatoria, con lettini e lampade, sedie di plastica da sala d'attesa e pareti in tipico color "verde ospedaliero".

La "sala operatoria" allestita in occasione della sfilata
La "sala operatoria" allestita in occasione della sfilata

A rendere il tutto ancora più denso di pathos il sottofondo dello Stabat Mater mescolato ai bit delle sale operatorie, e l'uscita di modelli e modelle sulla passerella con teste mozzate portate sottobraccio e identiche a quelle dei modelli vivi.

Creature misteriose e fantastiche in passerella
Creature misteriose e fantastiche in passerella

L'evento, che portava la firma di Alessandro Michele, direttore creativo della casa di moda dal 2015, era già stato annunciato, nella sua senza dubbio incredibile originalità, da un invito corredato di timer arancione con la scritta: "Avviso ai genitori, contenuto esplicito".

Il post di Gucci con l'invito alla sfilata

Un avvertimento che aveva fatto crescere le aspettative, e senz'altro sensato visto il tenore della sfilata.

(Unioneonline/v.l.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • user235427 23/02/2018 15:37:47

    Basta vedere il direttore creativo...la dice tutta... ambidestro