Cultura » Cagliari

Cagliari, scoperta la scultura di Sciola dedicata a Gramsci

Sabato 03 Febbraio alle 11:43


Il sindaco Zedda scopre la scultura

L'opera di un grandissimo artista sardo per ricordare il più grande intellettuale sardo.

È stata scoperta la scultura di Pinuccio Sciola dedicata ad Antonio Gramsci.

L'opera è stata sistemata nella piazza intitolata all'intellettuale di Ales in occasione delle celebrazioni dell'Anno gramsciano.

Un'opera altamente simbolica pensata da Sciola proprio per Gramsci: rappresenta la porta del carcere di Turi in cui l'intellettuale fu rinchiuso dai fascisti.

Alla cerimonia, insieme al sindaco Massimo Zedda, all'assessore alla Cultura Paolo Frau, al presidente della Fondazione di Sardegna (che ha finanziato l'iniziativa) Antonello Cabras e ad alcuni consiglieri comunali e regionali, hanno preso parte anche i rappresentati delle associazioni gramsciane e i familiari dell'artista di San Sperate.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

9 commenti

  • Pietropaolo2 04/02/2018 11:28:03

    un altra opera che verrà vandalizzata nel giro di pochi giorni.... o ore !!
  • Astronauta 04/02/2018 10:17:25

    Il mio muratore di fiducia con dieci euro la faceva meglio
  • Bagarzu 04/02/2018 08:28:55

    è tornata la moda dei v?!?
  • Astronauta 04/02/2018 08:10:21

    Prima ancora di leggere il titolo ho pensato "toh, un altro articolo su Gramsci". Impressionante comunque, sembra vivo
  • studioroma 04/02/2018 00:32:34

    per comprendere l'arte anche senza essere critici: si potrebbe dire che una bella canzone se è tale , questa lo è indipendentemente dal nome che porta l'autore , infatti questa ci assorbe lasciandoci profondamente colpiti nella sensibilità dal piacere di tale musica. bisogna imparare a giudicare senza conoscere il nome e raccogliere l'emozione che espone per quello che è l'opera . non si deve mai giudicare l'opera in funzione del cognome , ma in funzione dell'arte, se la trasmette
  • lianu 03/02/2018 21:41:48

    Sig. Sconamila, è proprio sui libri di storia in vendita che non si trova traccia della storia del Ventennio.
  • sardinia 03/02/2018 16:12:03

    @Giano. Sei imbarazzante. Ogni volta che si ricorda la figura di Antonio Gramsci (sai qualcosa della sua vita?), è matematicamente certo che il tuo intervento NEGATIVO a prescindere non mancherà. Voi nostalgici del Fascismo siete straordinari: vorreste che al posto di Gramsci omaggiassero Starace, Pavolini...o magari Mussolini in persona. E' vero che è così, signor "fantasma che non si firma" Giano? Còmprati un libro di Storia e ripassa il vile-famigerato Ventennio! Mario Sconamila
  • Giano 03/02/2018 12:57:10

    In effetti è notevole la somiglianza con i soggetti rappresentati. Chiunque, passandoci davanti, li riconoscerebbe pensando: “Toh, Gramsci affacciato alla porta del carcere di Turi”. Sì, davvero una somiglianza perfetta.
  • user220836 03/02/2018 12:48:33

    Speriamo bene, e incrociamo le dita...