Cultura » Cagliari

"Sardinian Job Day 2018" al via, a Cagliari anche il ministro Poletti

Martedì 23 Gennaio alle 11:31 - ultimo aggiornamento alle 17:38


Il ministro Giuliano Poletti

Sono oltre 5.500, su quasi 15mila iscritti, i candidati selezionati per i colloqui che si svolgeranno al Sardinian Job Day, manifestazione della Regione Autonoma della Sardegna dedicata alle politiche attive per il lavoro, che prenderà il via domani, 24 gennaio, alla Fiera della Sardegna, a Cagliari.

Due giorni di seminari, convegni e approfondimenti con oltre 160 aziende di tutti i settori economici, primo tra tutti il turismo, che svolgeranno con l'aiuto di operatori qualificati i colloqui per un totale di oltre 3.200 posizioni aperte.

Per i colloqui del primo giorno sono oltre 2.900 i curriculum scelti, nella seconda giornata saranno invece 2.400 i candidati in fila per le selezioni, mentre sono 144 i candidati per i colloqui di lavoro all'estero.

LA PRIMA GIORNATA - Ad inaugurare la manifestazione (alle 10) il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Giuliano Poletti, accompagnato per i saluti alle aziende e istituzioni presenti dal presidente della Regione Pigliaru, dall'assessore al Lavoro Virginia Mura, dal direttore generale dell'Aspal (Agenzia Sarda per le Politiche Attive del Lavoro) Massimo Temussi e dal sindaco di Cagliari, Massimo Zedda.

A seguire, nel Palazzo dei Congressi, il ministro e il presidente della Regione parteciperanno al convegno "Le riforme del lavoro e gli effetti sulla Sardegna. Come stabilizzare la crescita occupazionale", cui parteciperà anche il presidente dell'Anpal (Agenzia nazionale per le politiche attive del Lavoro) Maurizio Dal Conte.

Nel pomeriggio spazio alle testimonianze di personaggi del mondo dell'impresa e del lavoro, fra cui Flavio Manzoni, direttore del Design Ferrari, e Alberto Onetti, fondatore e CEO di Mind The Bridge, che racconteranno, introdotti e intervistati dal giornalista de L'Unione Sarda Giuseppe Deiana, le sfide affrontate e le competenze trasversali acquisite.

Durante tutta la giornata i padiglioni della Fiera ospiteranno i seminari e i laboratori organizzati in collaborazione con enti di formazione, università e associazioni sui temi della ricerca attiva del lavoro.

PROTOCOLLO DI INTESA - Al Sardinian Job Day parteciperanno anche 11 servizi per l'impiego pubblici di 9 paesi europei (Germania, Spagna, Francia, Belgio, Polonia, Slovenia, Portogallo, Romania, Finlandia). E la manifestazione sarà occasione, domani alle 15.30, per la firma di un protocollo di intesa tra il direttore generale dell'Aspal Massimo Temussi e il responsabile del Wup, l'ufficio regionale per il lavoro di Cracovia, in Polonia, per un'attività di collaborazione e scambio di metodologie e prassi per migliorare i servizi offerti in entrambi i Paesi.

(Unioneonline/v.l.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

3 commenti

  • user236808 25/01/2018 15:23:09

    per i due commenti sopra di me, peccato che sia una cosa europea innanzitutto, quindi l'inglese non è strano in questo caso e visto che l'inglese sta entrando nella vita di tutti i giorni anzi lo ha già fatto è una cosa assolutamente normalissima, poi di certo è un problema vostro se volete rimanere negletti.
  • usergigetto 24/01/2018 10:30:28

    Parlano in inglese ma fanno danni in italiano. Per fortuna a marzo si vota e non li vedremo più,SPERO. intanto FORZA Pietro.
  • Giano 23/01/2018 17:18:09

    Per pura coincidenza questo articolo sul “Sardinian Job Day” risulta a fianco all’articolo sul libro di Antonio Zoppetti che tratta dell’eccesso di anglicismi nella lingua italiana. Ma evidentemente il ministro Poletti non ha letto il libro o non sapeva come dire in italiano “Sardinian job day”.