Cultura » Sassari

Premio per la "peggiore poesia", vince la sassarese Hetel Fiori

Sabato 20 Gennaio alle 14:17


Partecipanti e organizzatori (foto Giovanni Salis)

È Helel Fiori la "vincitrice" del primo "Anti Slam" della storia di Sassari, la sfida che premia "la peggiore poesia".

La gara si è disputata all'interno del terzo appuntamento con “Spoken wHoRd”, la rassegna di poeti e performer che si tiene ogni mese sul palco del The House of Rock Music Club a Sassari, organizzata da Sergio Garau e Giovanni Salis insieme ai soci del circolo ricreativo The Hor.

I partecipanti hanno mostrato i loro "lati peggiori", cercando di fare “il più schifo possibile”, sia nel testo, sia nella performance.

Oltre al giudizio del pubblico, era presente anche una giuria tecnica, con il compito di pronunciarsi di volta in volta su quanto infimo fosse il livello raggiunto dal poeta in vari campi: Stella Farfalla (qualità performance), Veronica Pi (disturbi psichici), Max Mazzoli (nefandezze artistiche) e Mary Jo Intermontes Cherchi di Underground Experiment (malgusto look e stile).

Al "cornometrista" Antonello Mediterrano il compito di interrompere con dei suoni il partecipante quando la "poesia" diventava eccessivamente insopportabile.

La vincitrice è stata nominata "Peggiore poeta d'Italia", secondo classificato Federico Pinna, terzo Alessandro Burbank, quarto lo "sfavorito" Alessandro Doro, attuale campione in carica del Poetry Slam Sardegna.

(Unioneonline/F)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • Giano 21/01/2018 12:59:59

    Questo è un esempio di come si stia cadendo in basso ed al peggio non ci sia limite. E non è un'iniziativa di carattere umoristico e satirico, come potrebbe sembrare. Si pensa che quando si tocca il fondo si sia arrivati al punto più basso. Invece, c'è qualcuno che comincia a scavare. Ecco, questi stanno scavando...