Cultura » Abbasanta

La morra sarda diventa una app e conquista il mondo

Venerdì 19 Gennaio alle 18:17


La morra sarda

Un classico della tradizione dell'Isola che, grazie all'ingegno e all'inventiva di Davide Onida, 31enne di Abbasanta, diventa una modernissima app.

Stiamo parlando di Sa Murra, la morra sarda, che arriva nella versione "digitale", pronta ad affascinare il mondo intero, dopo una "gestazione" durata cinque anni.

A vedere per primo la luce un prototipo fatto girare su Facebook, tra gli amici. Poi, anche con l'aiuto del programmatore Davide Mainas il passaggio alla app vera e propria, scaricabile gratuitamente su qualsiasi dispositivo.

Per il realizzatore un grande successo testimoniato anche dall'invito ricevuto per partecipare a Murramundo, una convention di giocatori che arrivano da tutto il Mediterraneo e svoltasi nell'ultima edizione in Catalogna dall'8 al 10 settembre.

(Unioneonline/v.l.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

3 commenti

  • tamburello 21/01/2018 11:18:16

    Gioco violento...causa di "stoccate" e conseguenti ricoveri in ospedale....contenti voi....
  • sardotoni 21/01/2018 08:10:47

    C'è solo da sperare che non giochino con la pattadesa !
  • Giano 20/01/2018 18:44:47

    La Morra conquista il mondo? E noi che facciamo salti mortali per sostenere l'esportazione di vini, formaggi, olio, agnello sardo e vari prodotti tipici. Tutto sbagliato: esportiamo la Morra. E vivremo di rendita.