Cultura » Siligo

Maria Carta, voce di un passato millenario

Venerdì 16 Giugno 2017 alle 11:12 - ultimo aggiornamento Giovedì 13 Luglio 2017 alle 17:43


Un primo piano di Maria Carta

Una donna forte e passionale, Maria Carta, che si è battuta per restituire dignità e poesia alla sua terra. Un’esperienza artistica e un passaggio umano troppo brevi, ma che hanno lasciato un’impronta indelebile nel patrimonio culturale dell’Isola, un richiamo per culture diverse e distanti.

***************************************

È Siligo, piccolo centro in provincia di Sassari nel cuore del Logudoro Mejlogu, a dare i natali, il 24 giugno del 1934, alla grandissima Maria Carta.

La piccola Maria, instancabile, non si sottrae sin dai primi anni alle necessità di una famiglia povera e che ne richiede l’impegno: si dedica alla ricerca della legna insieme alla nonna, raccoglie le olive, fila la lana, lavora il grano.

L'INFANZIA - La musica le è da subito compagna, anche in quel lungo tragitto a piedi, scalzi, da Sìligo a Biddanòa, che ogni giorno percorre al buio con la cesta colma di panni da lavare al fiume. E la magia del canto sardo prende forza nelle sue corde vocali di bimba incredibilmente dotata.

Maria Carta cresce, dunque, in povertà, con un padre perso troppo presto, all’età di otto anni, dolore lacerante e che la accompagnerà per tutta la vita. Guarda fuori dalla finestra di casa la terra arida e dura, e sogna una vita migliore.

Nel 1957 vince il concorso di bellezza "Miss Sardegna". Un’evasione culturale che segna l’inizio di una marcata emancipazione. Nel 1958 si trasferisce a Roma, e lì conosce lo sceneggiatore Salvatore Laurani, che diventerà suo marito e compagno per vent’anni, il mentore che la guiderà sui palchi più importanti, sino ad allora solo timidamente sognati.

Un'altra splendida istantanea della cantante sarda
Un'altra splendida istantanea della cantante sarda

Attraverso il Centro studi di musica popolare, diretto da Diego Carpitella, nell’Accademia di Santa Cecilia a Roma, Maria intraprende un percorso di ricerca musicale ed etnografica, che le consente di esplorare la propria terra e riportare in auge antichi canti. La sua conoscenza profonda del passato musicale sardo, le permette di far rivivere storia e tradizioni di un popolo che tanto ha da raccontare.

LE LUCI DELLA RIBALTA - Nel 1971 brillano le luci della ribalta nazionale con la realizzazione di due album, "Sardegna canta" e "Paradiso in re", in collaborazione con l’etnomusicologo Gavino Gabriel. Va poi in onda uno straordinario documentario trasmesso dalla Rai, "Incontro con Maria Carta", nel quale la cantante affianca Riccardo Cucciolla in un viaggio recitato e cantato lungo i sentieri malinconici e vitali della Sardegna.

Nel 1972 interpreta Medea nel lavoro di Franco Enriquez al Teatro Argentina di Roma e nello stesso anno tiene un importante concerto al Teatro Bol'šoj di Mosca. Recita anche nelle "Memorie di Adriano", messo in scena con Giorgio Albertazzi.

Nel 1974 è a "Canzonissima", occasione per ammaliare il pubblico con un fascino e un’eleganza con pochi precedenti, orgoglio dei propri conterranei. Tra le diverse incursioni sul grande schermo che compie grazie a Pasolini, Zeffirelli, Tornatore, Rosi e Cabiddu, celebre è la sua interpretazione della Signora Andolini, la madre di Vito Corleone, ne "Il padrino - Parte II" di Francis Ford Coppola. Incide poi, grazie a Ennio Morricone, la sigla dello sceneggiato tv "Mosè".

Artista poliedrica e dai mille volti, nel 1975 pubblica la raccolta di versi "Canto rituale", compendio di una denuncia sociale che eleva a protagonisti della narrazione i dimenticati e gli umili. Ne segue un’infaticabile partecipazione politica, che sfocerà nell’anno seguente con la sua elezione tra le file del Pci nel Consiglio comunale di Roma e che durerà sino al 1981.

Gli anni Ottanta segnano per la cantante un profondo cambiamento, anche a livello personale. Si separa da Salvatore Laurani e conosce un nuovo amore, dal quale nel 1981 avrà un figlio, David. La sua voce travalica i confini nazionali, spingendosi sino a New York, Filadelfia e San Francisco.

L'ultima esibizione con Andrea Parodi
L'ultima esibizione con Andrea Parodi

GLI ULTIMI ANNI - È del 1993 l’album "Le memorie della musica", ultima fatica della cantante ormai provata dal cancro che la affligge. Con l’omonimo brano vorebbe partecipare al Festival di Sanremo, come una sorta di ultimo desiderio, il suo testamento artistico, ma viene scartata.

La sua voce comincia a tradirla a causa della malattia e le cure. E il vigore con il quale affronta i suoi ultimi giorni è tuttavia esemplificazione del suo carattere passionale: non mancano le esibizioni, come la struggente versione a cappella di "No potho reposare" con Andrea Parodi in occasione della kermesse "In concerto con Maria".

Maria Carta muore il 22 settembre del 1994 all’età di 60 anni. Nel suo paese natale, Siligo, il ricordo trova un palcoscenico speciale con la creazione, nel 2003, del "Premio Maria Carta", riconoscimento che vedrà, fra gli altri premiati, nomi illustri come Andrea Parodi, Paolo Fresu, Vinicio Capossela e Piero Marras.

Nonostante lo scorrere del tempo, il suo nome resta ancora oggi simbolo indiscusso della produzione artistica dell’Isola. E il suo canto è una voce che parla la lingua di un passato millenario e nuragico, rivolto a chiunque abbia l’orecchio aperto e sensibile per ascoltarla.

La storia completa nel volume "Sardegna al femminile" disponibile nello store online a questo link

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

14 commenti

  • user226579 09/04/2018 16:29:42

    Oltre la grandissima Maria Carta, a quei tempi esistevano anche altri artisti tra cui secondo me uno degli artisti maschili più rappresentativi ed innovativi della musica pop folk Sarda in Sardegna ed oltre Mediterraneo, il grande Tony Piaceri.
  • semur 06/04/2018 09:48:18

    Anche il folklore è cultura
  • Redelosballo 03/04/2018 19:50:25

    Mah! Almeno Marco Carta però lo conosco e ha pure vinto il Festival di Sanremo! Questa non l'ho mai sentita in vita mia! Ma notyo ora che anche lei si chiama Carta, cos'è parente? Sorella?
  • Redelosballo 03/04/2018 19:48:23

    E che tipo di cultura insegnava? Scusate l'ignoranza ma vorrei sapere!
  • semur 31/03/2018 11:01:51

    Redelosballo 08/10/2017 20:51:31 NO. insegnava cultura quando tu eri assente!
  • Peppa_Piga 31/03/2018 06:57:10

    Ai concerti di Marco Carta intendevo.... Non mescoliamo un'Artista con la A maiuscola e un karaokista....
  • Peppa_Piga 31/03/2018 06:53:42

    Io vado a pogare ai suoi rave
  • Gose 30/03/2018 20:24:44

    questo articolo è nella prima pagina dell'unione online dal giorno della sua pubblicazione cioè 16 giugno 2017.. oggi, 30 marzo 2018 per curiosità finalmente lo leggo... conoscevo molto bene le canzoni di Maria Carta grazie a mio nonno che aveva tutta la sua discografia su cassette che comprava dai primi ambulanti senegalesi, quelli con il valigione in legno. Bei tempi erano gli annni 80
  • Tessitore 24/03/2018 09:39:46

    otttoz, per carità, non confondiamo il sacro, con il profano.
  • Redelosballo 08/10/2017 20:51:31

    Scusate ma chi è? E' una cantante sarda?