Cultura » Provincia di Sassari

Myriam Riccio, la pioniera del giornalismo sardo durante il Regime fascista

Venerdì 31 Marzo alle 13:40 - ultimo aggiornamento Venerdì 12 Maggio alle 19:06


Myriam Riccio

Myriam Riccio ambiziosa, elegante e snella emanava fascino e femminilità. Così la descrivono, tra tutti anche il poeta pioniere del movimento futurista, Filippo Marinetti.

***

IL RITRATTO - Tra le prime giornaliste in Sardegna, la Riccio scombina i cliché sulle donne letterate che come lei scrivono. Amica di donne intraprendenti come Ines e Iole, figlie di Enrico Berlinguer.

È anche crocerossina durante la prima guerra mondiale. Viaggia tantissimo, guida e fuma. Curiosa, ha un’opinione su tutto e va oltre le apparenze.

Myriam Riccio crocerossina
Myriam Riccio crocerossina

È una donna di grande personalità. Infatti, come racconta il pronipote, "nel 1942 all’epoca del Regime Fascista, Benito Mussolini va a Sassari, invita la Riccio a ballare ma lei rifiuta sdegnata".

UNA VITA DI CARTA E INCHIOSTRO - Nata a Sassari da una delle famiglie più in vista. La mamma è la nobile Evelina Satta, una figura fredda e distaccata che Myram è solita chiamare "la mia genitrice". Ma la sua passione per il giornalismo la eredita dal padre, uomo brillante di cultura, Medardo Riccio, primo direttore de "La Nuova Sardegna" e autore dell’opera "Il valore dei sardi in guerra", che racconta le vicende eroiche dei soldati isolani.

E così, tra le aule della "Gazzetta di Via Giardini", (La Nuova Sardegna), Myria coltiva la sua passione e vive tra carta e inchiostro.

Unica donna in redazione, spalleggiata dal padre ma biasimata dalla sua "genitrice" che non approva la sua scelta.

All’epoca le donne che scrivono non sono ben viste. Ma la Riccio non si cura dei pregiudizi e va avanti per la sua strada. Riesce ad emergere e spiccare grazie alla sua tenacia.

Presenti sulla scena solo alcune scrittrici. E Myriam si distingue da esse grazie al suo talento da cronista.

LA SVOLTA E IL DEBUTTO CON L’UNIONE SARDA - Il18 gennaio 1923 muore il padre. Per Myriam è un grande dolore e lei cerca di soffocarlo attraverso il lavoro.

È in quello stesso anno che L’Unione Sarda pubblica il suo articolo "Nuovo Paese". Dove la Riccio ripercorre i ricordi di infanzia.

Diventa anche corrispondente per "La Tribuna di Roma".Scrive per l’"Isola del 1926" quando "La Nuova" viene censurata dal Fascismo, e anche per "Il Secolo illustrato" e "Illustrazione italiana".

È l'unica giornalista sarda presente nel libro "Donne e giornali nel fascismo", una sorta di "Ordine dei Giornalisti".

IL MATRIMONIO E LA FINE - Myriam si sposa nel 1938 con Giuseppe Oggiano e dopo le nozze smette di scrivere. Sceglie di occuparsi della famiglia e diventa casalinga. Non ha mai avuto figli ma si prende cura dei nipoti.

Nel 1964 un cancro ai polmoni la uccide. La notizia della sua morte paralizza il mondo del giornalismo isolano.

Myriam con il marito e il nipote
Myriam con il marito e il nipote

La storia completa nel volume "Sardegna al femminile" disponibile nello store online a questo link

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

10 commenti

  • rosalux 03/04/2017 21:39:27

    Era sicuramente una donna intelligente e intraprendente, anche se privilegiata. Se non fosse nata in una famiglia così altolocata e istruita non avrebbe certo potuto far valere le sue grandi qualità. Comunque si tranquillizzi chi pensa che fosse antifascista e comunista. A detta del pronipote era monarchica e, secondo altre fonti, pare che abbia persino aderito al fascismo, anche se forse solo per poter continuare a scrivere.
  • Macomerese53 02/04/2017 16:29:18

    Tranquillo, Giano, fra duecento anni parleranno di me(forse, speriamo).
  • VEPA 02/04/2017 16:00:43

    Giano, parole sante, condivido in toto.
  • Giano 02/04/2017 15:12:40

    Sembra che in Sardegna le uniche donne degne di nota debbano essere anarchiche, comuniste, antifasciste, familiari e parenti di Gramsci o Berlinguer. Anche in questo caso sembra che l'aspetto più importante della vita di questa donna sia il suo antifascismo. L'unico merito di molti politici e intellettuali di successo del dopoguerra è quello di essere stati antifascisti (veri, presunti o fascisti pentiti ridipinti di rosso). Su quel ventennio ci stanno campando da un settantennio.
  • tgr-sardegna 01/04/2017 20:16:06

    Motta commenti tottus is attras
  • VEPA 01/04/2017 19:13:10

    Una figlia della borghesia con la puzza sotto il naso. Ai suoi tempi, buona parte dei sardi se la passavano molto peggio. Chissà se questa donna prodigiosa ha mai visitato l'interno dell'isola, o abbia mai avuto contatti con le sue genti. Quanto al ballo rifiutato a Mussolini, se glielo avessero chiesto Stalin o Lenin, avrebbe risposto allo stesso modo?
  • Bagarzu 01/04/2017 08:36:53

    finalmente una Donna la cui grandezza non è commisurata e calibrata col suo grado di antifascismo. o almeno dal testo dell'articolo così parrebbe...
  • areste 31/03/2017 22:49:13

    Questione di punti di vista,visto il momento storico dire coraggiosa
  • Macomerese53 31/03/2017 21:39:30

    Oggi è il giorno della censura.
  • Macomerese53 31/03/2017 16:44:29

    Nobile, ricca e viziata a tal punto di Rifiutarsi di ballare con Mussolini. Presuntuosa!