Cultura » Dorgali

Maù Sagheddu, autentica balente barbaricina. Prima Beata sarda

Domenica 26 Marzo alle 12:47 - ultimo aggiornamento Venerdì 12 Maggio alle 19:07


Maù Sagheddu

Beatificata dalla chiesa in tempi record. Maù Sagheddu aiutava gli altri in silenzio: con la scuola e nei litigi adolescenziali dava protezione a chi ne aveva bisogno, era un'autentica balente barbaricina.

Chiedeva in cambio una sola cosa: "non si deve sapere in giro".

***

Nota a tutti come Maù Sagheddu, il suo vero nome è Maria Gabriella, ma lo riserva solo alle faccende burocratiche e alle "cose del continente". Nasce a Dorgali il 17 marzo 1914. Suo padre Marcantonio fa il pastore e la mamma Caterina Cucca la casalinga. Maù ha sette fratelli. La sua spensieratezza di bambina viene stroncata molto presto. Il papà muore quando lei ha solo 5 anni a causa di un'epidemia spagnola che uccide anche due dei suoi fratellini.

I genitori di Maù
I genitori di Maù

UNA VITA DEDITA AD AIUTARE GLI ALTRI - È una ragazza intelligente e studiosa, con un profitto straordinario, studia e lavora intensamente e riesce nel frattempo ad aiutare tutti quelli che ne hanno bisogno. Quando inizia a lavorare si priva anche dei pochi soldi che ha per darli ai più poveri.

Odia il bigottismo civettuolo del paese e non sopporta che si racconti di lei in giro.

Visita spesso i malati, in particolare una che stava sola perché aveva un carattere che nessuno sopportava.

IL VOTO - Quando muore la sorella, Maù decide di fare qualcosa di ancora più utile per le persone e inizia a lavorare a servizio di una comunità monastica.

Sceglie un monastero di clausura, il convento di Vitorchiano vicino a Roma, e diventa suor Maria Gabriella. Ma tutto questo ancora non soddisfa come vorrebbe l’ideale di carità umana che ha da quando era piccola. Per questo motivo decide di fare un voto, offre la sua vita a Cristo in modo che la riunisca alla Chiesa.

Suor Maria Gabriella
Suor Maria Gabriella

La Sagheddu diventa simbolo mondiale del movimento Ecumenico moderno. Un giorno però si ammala di tubercolosi e la malattia la divora fino a ucciderla in meno di un anno. Muore il 23 aprile 1939.

LA BEATIFICAZIONE - Beatificata da Papa Giovanni Paolo II il 25 gennaio 1983, viene anche indicata come modello nel documento "Ut Unum Sint", il più importante della chiesa. Maù diventa così l’angelo dell’Ecumenismo e il suo culto si è diffuso in tutto il mondo.

La storia completa nel volume "Sardegna al femminile" disponibile nello store online a questo link

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

5 commenti

  • user219932 29/03/2017 09:36:52

    Vorrei rispondere a tillicca e dirle di andare a dorgali e visitare la sua casa Li ci sono tante testimonianze si ricrederà
  • Macomerese53 27/03/2017 19:40:56

    Tillicasa, ho fatto delle ricerche, non ho trovato niente. La storia però è fantastica e affascinante.
  • tilliccasa 27/03/2017 14:46:57

    POSTO CHE QUESTA PERSONA SIA REALMENTE ESISTITA,TROVO DUE INCONGRUENZE : A)ODIARE I BIGOTTISMI ED ENTRARE NELLA CHIESA.......................... B)IL DESIDERIO DI AIUTARE IL PROSSIMO ED ENTRARE INUN CONVENTO.............. MISA TANTO DI ENNESIMO MITO INESISTENTE redazione: la storia è assolutamente vera e documentata.
  • user222358 27/03/2017 00:51:08

    Che bella persona, un angelo.
  • Macomerese53 26/03/2017 18:33:48

    Una vera eroina, Morta troppo presto. A Vitorchiano ci passo spesso per Andare a Civitavecchia. Conosco il monastero,anche se è difficile entrarvi. Si trova nei pressi di Viterbo. Comunque, una ragazza coraggiosa, moderna e intelligente