Cronache dalla Sardegna

Cagliari, il suicidio di un'adolescente
Gli amici: "E' stata vittima dei bulli"

Giovedì 13 Febbraio 2014 alle 07:18


un immagine che rappresenta le insidie che si nascondono nella rete

Un'immagine che rappresenta le insidie che si nascondono nella rete

Si sono fronteggiati all'interno del cimitero di San Michele, a Cagliari, subito dopo i funerali dell'amica che si è suicidata lanciandosi dal bastione di Saint Remy una settimana fa. Prima le minacce. Poi schiaffoni e spintoni. Circa cento ragazzi e ragazze divisi in due gruppi opposti. Da una parte quelli convinti che il gesto dell'amica sia stato provocato dal bullismo: la giovane sarebbe stata insultata e offesa pesantemente, anche sul web. Dall'altra, quelli individuati come i presunti responsabili della tragedia. Sospetti e ipotesi frutto di voci e chiacchiere tra ragazzi. Su quanto accaduto non è stata avviata alcuna inchiesta o indagine.

I dettagli nell'articolo di Matteo Vercelli sull'Unione Sarda in edicola. Sulla pagina anche due interventi sui rischi in cui gli adolescenti possono incorrere navigando sulla rete.