Cronaca » Provincia di Venezia

Scrivono "a fuoco i profughi", condannati a sei mesi senza Facebook

Venerdì 14 Settembre alle 08:51


Immagine simbolo (Pixabay)

Condannati a stare sei mesi senza Facebook.

Questa la sanzione disposta dall'Ufficio esecuzioni penali esterne di Venezia nei confronti di quattro cittadini italiani, di età compresa tra 34 e 56 anni, che in alcuni commenti sui social avevano insultato e offeso i profughi.

Le frasi erano state scritte sulla pagina "Sei di Portogruaro se".

I quattro sono stati perseguiti per aver violato la Legge Mancino del 1993, che punisce i reati di odio e discriminazione razziale.

"Bisogna aiutarli, ne ospitiamo uno in ogni casa e li laviamo con la benzina e poi li asciughiamo col lanciafiamme e tutto è risolto", aveva scritto uno degli utenti della piattaforma.

"Gente sporca, devono morire, se trovo uno di loro gli verso dell'acido di batterie così capiscono che non li vogliamo", il commento di un altro utente, mentre un'altra delle persone segnalate aveva affermato: "Diamo fuoco al palazzo con loro dentro".

Oltre a non poter utilizzare Facebook, i quattro dovranno leggere libri o guardare film sul tema dei migranti, scrivendo alcune brevi considerazioni sull'argomento, e svolgere attività di pubblica utilità per quattro ore alla settimana.

Il 14 maggio 2019 i giudici convocheranno in aula gli imputati per valutarne il ravvedimento.

(Unioneonline/F)

 
il ministro lorenzo fontana
Razzismo, il ministro Fontana: "Aboliamo la legge Mancino". No di Di Maio

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

7 commenti

  • Utente_US 16/09/2018 10:28:52

    nopagoafitto 14/09/2018 18:26:20 : io commento, ironizzo e a volte seriamente, ma non mi sono mai permesso di "mettere in bocca" frasi diverse da quanto scritto da altri utenti, sopratutto da quei pochi che la pensano a modo loro. Perchè penso che per una serie di fattori abbiano le loro ragioni per esprimere il contrario. Per il resto, mi auguro che le leggi siano adattate alla situazione attuale e fatte rispettare.
  • nopagoafitto 14/09/2018 18:26:20

    Utente_US, non capisco cosa c’entri quello che hai scritto con la notizia. Mi auguro che non significhi che ritieni giustificabile utilizzare il lanciafiamme su chi non ha i documenti in regola. Sarebbe davvero barbaro e di sicuro più selvaggio di chi abita la savana. Vorrei ricordarti che noi siamo (purtroppo non tutti) quelli del mondo occidentale civilizzato, non comportiamoci da selvaggi.
  • Utente_US 14/09/2018 17:28:12

    E' grave per qualunque persona o gruppo di persone. Ciò non toglie che quando si entra in un'altra nazione occorre avere i documenti in regola e comportarsi seguendo le leggi locali e non quelle della savana.
  • nopagoafitto 14/09/2018 17:26:52

    A nur consiglierei di munirsi di vocabolario e cercare il significato del termine opinione. Commentando in questa maniera dimostra di non conoscerlo.
  • user0000001 14/09/2018 15:23:56

    nur, dimmi davvero che stai scherzando, ti prego. Se per te quelle frasi ingiuriose fanno parte della libera opinione ed espressione, fossi in te mi preoccuperei non poco. Per me la pena inflitta e' davvero ridicola e dara' liberta' ad altri idioti come quelli di sentirsi in diritto di scrivere cio' che vogliono. Tanto al massimo gli tolgono facebook per 5 mesi. Capirai che perdita...
  • nopagoafitto 14/09/2018 15:21:51

    Adoro questa sentenza. Pare evidente che si debbano porre dei limiti a certi individui che utilizzano internet per giocare a chi la spara più grossa, cavalcando la moda secondo cui chi riesce a essere più cattivo degli altri è considerato il più figo. Applicherei la stessa sanzione anche ad alcuni commentatori di questo sito.
  • nur 14/09/2018 13:39:23

    Qui si sta cercando di limitare la libera opinione ed espressione,Facebook sta diventando un social marcatamente di sinistra.