Cronaca » Cagliari

Il ministro Lezzi a Cagliari: "Nessun taglio alla Sardegna"

Venerdì 14 Settembre alle 14:36 - ultimo aggiornamento Sabato 15 Settembre alle 07:09


"Alla Sardegna non intendo togliere nulla, il Patto per la Sardegna resta valido".

E ancora: "Non c'è il rischio che venga disimpegnata, al 31 dicembre, una parte dei fondi europei".

È rassicurante il ministro per il Sud Barbara Lezzi, dopo l'incontro a Villa Devoto con il presidente della Regione Francesco Pigliaru e una parte della Giunta.

L'esponente del governo è impegnata in un tour in tutte le regioni del Mezzogiorno, e la spesa delle risorse comunitarie è sempre uno dei temi centrali.

Ma a Cagliari, verificato il rispetto dei tempi di utilizzo dei fondi, la visita si sviluppa soprattutto sull'attuazione del Patto per la Sardegna, firmato due anni fa dal governo Renzi.

È a questo proposito che Lezzi afferma di "non voler togliere nulla" alla Regione, aggiungendo che "se ci sono dei nodi, bisognerà scioglierli per poter spendere i soldi e farli arrivare ai cittadini sardi. Nessuna intenzione di definanziare il Patto solo perché l'aveva fatto Renzi".

In quell'intesa rientra la metanizzazione dell'Isola: "Su questo ci sono diverse posizioni", ammette il ministro, rappresentante del Movimento 5 Stelle che ha già bocciato il progetto per l'arrivo del gas: "Ma non entro nel merito dei progetti, che devono seguire altri percorsi col ministero dello Sviluppo economico", ha aggiunto.

Il tweet del ministro Lezzi

Nell'incontro la Giunta ha sollevato molti problemi, a partire dai fondi per le periferie revocati dal governo: "Sul ripristino di quegli interventi - ha ricordato Lezzi - il premier Conte ha preso un impegno con l'Anci".

Quanto ai ritardi su alcuni piani per la viabilità, "sentirò su questo gli amministratori dell'Anas e di Rete ferroviaria italiana".

Rispetto alla recente bocciatura della rete ospedaliera sarda da parte del governo, il ministro ha rimandato al confronto con la collega titolare della Salute, Giulia Grillo.

Su questo, però, Pigliaru ha espresso a Lezzi "il disappunto per l'applicazione miope di un decreto che imporrebbe la chiusura di alcuni ospedali".

"Noi abbiamo le nostre ragioni - ha insistito il governatore - e le porteremo avanti fino in fondo. Altrimenti si aprirà un conflitto istituzionale, attraverso vari ricorsi".

A parte la soddisfazione per la conferma del Patto per la Sardegna ("si sta ai patti e si lavora assieme per sbloccare le varie situazioni") e la valutazione positiva sullo stato della spesa dei fondi Ue, Pigliaru è parso ottimista anche sulla metanizzazione: "Con la ministra abbiamo avuto un confronto laico e positivo; servirà un incontro al ministero dello Sviluppo economico, ma sono fiducioso sul fatto che il progetto vada avanti".

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

7 commenti

  • rosalux 15/09/2018 10:27:04

    Non ci danno il metano, ci hanno tolto i fondi per le periferie, vogliono chiudere alcuni ospedali. Ed ora vengono a dirci che non vogliono toglierci nulla? Magari ci lasciano le mutande. Magari...
  • WGrillo 14/09/2018 22:10:10

    ragilufe55...al momento a sone corru è stato mandato a casa in modo incontrovertibile il tuo amico Renzi...rosica !
  • user215573 14/09/2018 21:43:00

    Pigliaru che fai finta di fare il leone che a febbraio sai che i sardi ti mandano a casa !!avete rovinato la Sardegna.....fatevene una ragione !!Non vi ascolta e vi da più credito nessuno !!guardate e ammirate salvini e di Maio... poi puoi fare tutti i ricorsi che vuoi ma alla fine sempre un vero fallimento e stata questa giunta !!come mai vi svegliate sempre 5 mesi dalle votazioni e x 5 anni letargo ??la gente è stufa e lo a dimostrato al governo Renzi e i sardi lo dimostreranno a febbraio
  • user226041 14/09/2018 20:11:39

    Caro ragilufe 55, fino ad' ora gli unici che sono stati buttati fuori a son'e corru sono i tuoi amici "sinceri" del PD.... Parafrasando una altrettanto famosa canzone,visto che il giochino ti piace tanto direi che la tua è solo GELOSIA.....stai rosicando???
  • pietrenko 14/09/2018 19:42:51

    speriamo bene
  • user220734 14/09/2018 18:29:27

    Brava ministro Lezzi, Ora tocca a noi elettori dare l'ultima spallata e buttare fuori dal governo sardo quelli che in pochi anni ci hanno dato il colpo di grazia riducendo i così. Speriamo che i sardi alle urne faccino funzionare il cervello!
  • ragilufe55 14/09/2018 17:12:07

    Una canzone di qualche annofa recitava "parole parole parole soltanto parole" che si può tradurre in" fandonie fandonie fandonie soltanto fandonie" per i boccaloni che hanno votato il governo dello sfascio e delle elemosine chiamato del cambiamento ...peccato che sia in molto peggio di quanto si potesse pensare.....cialtroni e falsi ci dicono fandonie irrealizzabili sapendo bene che oramai sono al governo e li dobbiamo subire. Ma i nodi vengono al pettine e vi manderemo a casa "a sonu de corru"