Cronaca » Ghilarza

Ghilarza, nuove tariffe per la casa di riposo

Venerdì 14 Settembre alle 15:00


La comunità alloggio

Dopo otto anni scatta l'adeguamento delle rette per la comunità alloggio.

In attesa della pubblicazione del bando per l'affidamento in gestione della struttura comunale, l'esecutivo guidato dal sindaco Alessandro Defrassu si è pronunciato per adeguare, a partire dal prossimo primo novembre, l'importo della retta per fruire dei servizi offerti.

La Giunta ha stabilito quella che potrà essere la tariffa massima applicata da chi prenderà in gestione la struttura.

In particolare non si potranno superare i 1.600 euro per la retta dei servizi della comunità alloggio e i 1.900 per i servizi offerti dalla comunità integrata, opzione ora disponibile con gli interventi che si stanno eseguendo.

La videointervista al primo cittadino:

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • mirkomille 16/09/2018 22:08:05

    Le rette in provincia di Oristano sono troppo alte. Fuori dalla Sardegna in eccellenti case di riposo si paga massimo 1200 euro: la retta alta serve per far scappare la gente e per perdere soldi. E' ridicolo dire che per una persona autosufficiente servono 1600 euro. Le spese vive non superano le 500 euro: 1000 euro sarebbero più che sufficienti. Dire che quel prezzo viene applicato anche in altre case di riposo vicine equivale a dire che l'autolesionismo è diffuso anche nei paesi vicini.