Cronaca » Provincia di Padova

La casa prende fuoco: nell'incendio muoiono madre e figlio

Mercoledì 12 Settembre alle 08:52 - ultimo aggiornamento alle 10:56


(foto Ansa)

Dramma a Conselve, in provincia di Padova, dove due persone sono rimaste coinvolte nell'incendio avvenuto nella loro abitazione.

Non c'è stato scampo per madre e figlio disabile che in quel momento si trovavano all'interno della casa. Si tratta di Angelo Volpi, 42 anni, e Rosa Lamberti di 86.

Il rogo è divampato al piano terra ed è stato causato da un corto circuito. Volpi ha provato in tutti i modi a salvare la madre stendendosi al suo fianco e tenendola stretta, ma invano.

I vicini sentendo le urla e i lamenti dei due hanno immediatamente chiamato i vigili del fuoco, ma per entrambi non c'è stato nulla da fare.

Madre e figlio sono stati ritrovati abbracciati.

(Unioneonline/M)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

2 commenti

  • Panis01 12/09/2018 13:12:07

    Non so se nel ricco Veneto i disabili vengono abbandonati a se stessi ma, se l'incendio è stato provocato da un corto circuito, c'è da dubitare sull'efficienza dell'impianto elettrico che se avesse avuto i requisiti minimi previsti dalle leggi e regolamenti attuali con molta probabilità sarebbero intervenuti i dispositivi di protezione (salvavita). Comunque siano andate le cose, questo caso ci porta a riflettere sul futuro dei disabili gestiti da mamme ormai troppo anziane.
  • user227566 12/09/2018 09:14:18

    Dove c'e' un disabile grave c'e' disperazione. Non riescono a superare le difficolta' che puntualmente si presentano tutti i giorni.Sono troppo soli