Cronaca » Toscana

Bimba dimentica il suo "Tigro" in treno, e l'Italia si mobilita

Mercoledì 12 Settembre alle 10:21


La piccola con il suo pupazzo in una foto postata dalla mamma

Il cuore di una mamma non conosce confini. E quando a palesarsi davanti agli occhi è la tristezza infinita del proprio bimbo, ciascuna donna diviene capace di qualsiasi cosa.

Come Beatrice Cavallucci, che dal 29 agosto non ha mai smesso di cercare – "e a costo di sembrare ridicola", tiene a precisare - il pupazzo "Tigro" dimenticato dalla figlia di 7 anni sul treno regionale Firenze-Pisa. Una storia raccontata in un lungo post Facebook, e che sta facendo il giro del web con migliaia di condivisioni.

"Lo so che esistono circostanze ben più gravi", ha scritto Beatrice nel post, ma "da quando mia figlia ha perso il suo amico del cuore è devastata".

Tigro ha accompagnato la piccola dai quattro mesi di vita, giorno dopo giorno, e a dimostrarlo una carrellata di foto pubblicate dalla mamma.

Un pupazzone ormai sbiadito, ma che per la piccola rappresenta molto. E per cui l'Italia intera si sta mobilitando.

"I miei bimbi ti regalano volentieri il loro", scrive una mamma da Follonica, e ancora "Noi ne abbiamo due, prendi il nostro", posta un papà da Torino. C'è anche chi scrive "ma non ne potrebbe comprare semplicemente un altro?". E poi il post di un'altra mamma: "So che molti ti staranno dicendo che è solo un giocattolo, ma è capitato anche a me e capisco cosa state provando. Non smettere di cercarlo, vedrai che lo troverai".

GUARDA IL POST:

Il post della mamma

(Unioneonline/v.l.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

2 commenti

  • Astronauta 12/09/2018 14:12:07

    Ė colpa dei migranti
  • PATRIOTS3428 12/09/2018 11:33:58

    È colpa di salvini