Cronaca » Svezia

Svezia, la destra cresce ma non sfonda. Testa a testa tra centrodestra e centrosinistra

Lunedì 10 Settembre alle 07:11 - ultimo aggiornamento alle 19:27


Non raggiunge le attese trionfali della vigilia, ma la destra radicale svedese compie un importante balzo in avanti (17,7%, il 4,7% in più rispetto al 2014).

I socialdemocratici del premier Stefan Löfvensembrano, infatti, hanno limitato l'avanzata prevista della destra più radicale che, comunque, non ha sfondato la quota del 20%.

Quando è stato scrutinato il 92,9% dei voti, è sempre più chiaro dunque il testa a testa fra centrosinistra e centrodestra.

Il partito di governo si attesta al 28,3%, in calo di 2,6 punti percentuali rispetto alla tornata del 2014, punito dal peso della politica migratoria del Paese che ha accolto circa 160mila richiedenti asilo nel 2015.

L'estrema destra non riesce nella svolta annunciata dal leader Jimmie Åkesson che ancora poco prima della chiusura dei seggi dava la sua formazioni anti-immigranti tra il 20 e il 30%.

Nessuna delle due parti, né il blocco rosso con gli alleati Verdi e Sinistra, né l'opposizione "borghese", riescono ad ottenere oltre il 50% dei 349 seggi in gioco per il Riksdag, il Parlamento svedese, e si renderanno necessarie lunghe trattative per arrivare a una maggioranza.

Risultati deludenti anche per i conservatori che perdono tre punti percentuali in quattro anni e non vanno oltre il 19,7%.

Guadagnano, invece, consensi gli ex comunisti di Sinistra che raggiungono il 7,9%, con un +2,2% rispetto al voto del 2014.

Avanzano anche i centristi, i cristiano-democratici e, anche se di pochissimo, i liberali.

(Unioneonline/s.a.)

EXIT POLL:

 
stefan loefven premier uscente
Svezia, exit poll: avanti il centro-sinistra, l'estrema destra al 19%

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

5 commenti

  • user220836 10/09/2018 17:11:49

    Ribelle64 hai dimenticato gli omorazzisti, cioè i razzisti verso la propria razza...
  • Alex_Mahone 10/09/2018 12:39:41

    Avanti così, piano piano ma inesorabili....
  • Ribelle64 10/09/2018 11:33:17

    Per Tessitore. Di certo c'è d'andarne fieri!.. ormai è una guerra aperta.. da combattere contro nazisti,razzisti, xenofobi, ignoranti di ogni risma e di ogni paese..
  • giupias 10/09/2018 11:11:14

    Sì sì, aspetta tranquillo...
  • Tessitore 10/09/2018 09:22:17

    Un passo alla volta, ma sempre avanti.