Cronaca » Provincia di Napoli

Dodicenne stuprata nel Napoletano, scarcerati i tre aggressori minorenni

Domenica 09 Settembre alle 12:42


Immagine simbolo

Sono stati scarcerati i tre ragazzi - di età compresa tra i 14 e i 16 anni - accusati di aver stuprato una 12enne a Castellammare di Stabia, in provincia di Napoli.

ll fatto risale allo scorso 28 aprile, quando i tre aggressori avrebbero attirato con l'inganno la ragazzina in un casolare abbandonato e qui abusato di lei.

I minorenni hanno ottenuto il trasferimento dal carcere in comunità, dove seguiranno un percorso di recupero di due anni per il reinserimento nella società attraverso la partecipazione a progetti sociali.

I giovani - che dopo aver un primo momento negato di essere gli autori dello stupro, hanno ammesso le loro responsabilità - hanno inoltre chiesto al giudice di non essere processati.

Accusati di violenza sessuale di gruppo ed estorsione, rischierebbero fino a quattro anni di reclusione, ma con l'istituto della "messa alla prova" il processo si estinguerebbe, così come il reato commesso, al termine del periodo di prova.

Dopo che l'episodio di violenza è diventato pubblico, la famiglia della vittima, che vive a Gragnano, vicino al capoluogo campano, ha deciso di lasciare il paese e trasferirsi al Nord.

(Unioneonline/F)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

7 commenti

  • sirbon65 10/09/2018 16:01:30

    E se fosse stata la nipote di un magistrato?
  • MORESCHINI 10/09/2018 11:52:44

    SOno basito : è questa la giustizia in Italia ? Invece di punire questi mascalzoni li si premia lasciandoli in libertà fuori dal carcere e si costringe la vittima ad emigrare per evitare di incontrare questi delinquenti ! Questa è la colpa della giustizia "ipergarantista" che ci ha regalato la sinistra ! Fa schifo !!! Edo
  • savonaf 09/09/2018 20:27:53

    Questo è lo Stato di "giù le mani da Caino". Quindi Abele (in questo caso, la ragazzina) non potrà mai avere giustizia!!
  • user214992 09/09/2018 17:48:15

    dovrebbero andare in galera
  • sirbonecanu 09/09/2018 15:02:17

    Viva l'italia. e bravo il giudice che ha accolto la richiesta di questi poveracci.
  • daisy 09/09/2018 13:34:15

    Quindi la cura e il reinserimento sociale della vittima con il trasferimento dell'intera famiglia è a carico dei genitori,mentre di loro si prenderà cura la società con il nostro contributo?
  • wing1250 09/09/2018 13:25:02

    giustizia schifosa ,davvero ributtante.