Cronaca » Provincia di Genova

Viadotto Morandi, ecco chi sono i venti indagati per il crollo

Venerdì 07 Settembre alle 08:47 - ultimo aggiornamento alle 15:27


Il ponte Morandi crollato (foto Ansa)

A tre settimane e mezzo dal crollo del ponte Morandi, sono venti le persone iscritte nel registro degli indagati dalla Procura di Genova per il disastro.

Oltre alla società Autostrade per l'Italia, la concessionaria che gestiva il tratto e che risponde anche di omicidio colposo plurimo e lesioni colpose con violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro, sono indagati otto suoi dirigenti: l'amministratore delegato Giovanni Castellucci, il direttore del Primo Tronco di Genova Stefano Marigliani e i suoi collaboratori Paolo Strazzullo e Riccardo Rigacci; il direttore centrale Operation Paolo Berti, Michele Donferri (direttore delle Manutenzioni), Mario Bergamo (l’ex direttore delle manutenzioni di Autostrade) e Massimo Meliani (responsabili ponti e gallerie).

Coinvolti anche dirigenti del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, con i vertici dell'Unità di vigilanza: il direttore generale Vincenzo Cinelli e il suo predecessore Mauro Coletta; Bruno Santoro, capo Divisione tecnico-operativa della rete autostradale.

E ci sono anche tre ingegneri del Provveditorato e uno dell'Ufficio ispettivo: il provveditore Roberto Ferrazza e i suoi collaboratori Salvatore Bonaccorso e Giuseppe Sisca; Carmine Testa, capo dell'Ufficio ispettivo. Infine altre quattro persone, indagate per reati minori.

Le parti lese, ha detto il Procuratore capo di Genova Francesco Cozzi, sono "le 43 vittime decedute e altre 16 persone che hanno riportato lesioni".

"La lista degli indagati al momento è questa, poi qualora emergessero ulteriori profili dalla prosecuzione delle indagini sarà valutato".

(Unioneonline/D)

TONINELLI:

 
danilo toninelli (ansa)
Toninelli: "Ho ricevuto pressioni da Autostrade, ecco le prove". Ma la mail è di gennaio

LE INDAGINI:

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

2 commenti

  • user221435 07/09/2018 14:52:55

    Finti processi per tirare fuori soldi agli italiani... i processi costano.. e queste persone quando il ponte è stato costruito neanche esistevano.. nei prossimi anni ci saranno altri episodi .come questo... signori è cemento...ha una durata di vita tecnica.
  • maman-ti 07/09/2018 11:03:45

    Quanta bella gente, una simpatica cricchetta....però dubito assai che nel loro futuro possa esserci la vista del sole a scacchi, sarebbe bello accadesse. Se si accerterà una attribuzione diretta o in mancata vigilanza da parte della società Autostrade, come di ogni altro soggetto potenzialmente coinvolto, penso che la punizione debba essere esemplare e senza mercanteggiamenti.