Cronaca » Mandas

Mandas, uccide i figli e si spara
La ricostruzione della tragedia

Venerdì 07 Settembre alle 09:18 - ultimo aggiornamento alle 12:12


I carabinieri sul luogo della tragedia

Due rose di pallini, esplose da un fucile da caccia, per uccidere i suoi due figli gemelli, Paolo e Claudio Calledda, quelli che a Mandas tutti chiamavano affettuosamente "i bambini" anche se avevano 42 anni.

A premere il grilletto è stata Angela Manca, vedova di 64 anni, la loro mamma. Che poi ha rivolto l'arma verso se stessa e si è sparata all'addome.

Quei colpi, nel silenzio dell'ora di pranzo, hanno fatto scattare subito l'allarme e i soccorsi sono arrivati immediatamente.

La donna, che non si è ferita mortalmente, è stata portata in elicottero al Brotzu di Cagliari, dove è ricoverata dopo aver perso molto sangue ed essere stata sottoposta a un intervento. Ora è in rianimazione: le sue condizioni sono stabili.

Dalle prime ricostruzioni non si è trattato di un gesto d'impulso, ma ben studiato.

Mamma Angela, il cui marito è morto una decina di anni fa, ha dovuto scoprire dove erano nascoste le chiavi dell'armadio in cui erano stati sistemati i fucili e le munizioni, poi ha aspettato che in casa non ci fossero altre persone che notassero i suoi movimenti, per esempio le due badanti che si davano il cambio tra giorno e notte e le assistenti per i figli, e nemmeno la figlia e il genero (proprietario delle armi).

Il sospetto è che la donna non riuscisse più a sopportare il grande peso delle responsabilità di quei due figli disabili, che dovevano essere accuditi in tutto, e per i quali il futuro riservava grandi incognite.

E proprio per questo ieri ha deciso per una soluzione drammatica.

***

 
i carabinieri sul posto
Tragedia familiare a Mandas. Mamma uccide i figli e si spara

 
l ospedale brotzu
La donna grave al Brotzu. Il paese sotto choc

 
il sindaco marco pisano
Il dolore del sindaco: "Due angeli sono volati in cielo"

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

4 commenti

  • olgasaid 07/09/2018 13:05:04

    il lavoro di cura, seppur con aiuti, pesa sempre sulle donne, schiacciandole come un macigno. un abbraccio enorme alla signora
  • user232371 07/09/2018 12:55:30

    che il signore possa avere pieta' di queste 3 anime.
  • alcadon 07/09/2018 11:50:57

    A volte e' proprio dura,, :(
  • CCMascia 07/09/2018 10:31:14

    Alla comunità di Mandas ed ai familiari delle persone coinvolte, invio un forte abbraccio e mi unisco al loro dolore. R.M.