Cronaca

Aeroporti nel mirino: più virus sui vassoi dei controlli che nei wc

Venerdì 07 Settembre alle 12:29 - ultimo aggiornamento alle 13:13


I controlli di sicurezza in aeroporto. (Foto Ansa)

Tempi duri per chi viaggia in aereo. Se i frequentatori abituali degli aeroporti devono vedersela costantemente con il rischio di scioperi, ritardi e cancellazioni, a creare ulteriori disagi ci si mette ora l'allarme lanciato dagli Scienziati dell'Università di Nottingham e dell'Istituto nazionale finlandese per la salute, secondo i quali nei vassoi dove mettiamo i nostri oggetti personali per i controlli di sicurezza ci sarebbero più germi e virus che sulle tavolette dei wc pubblici.

Un'esagerazione? Non secondo le rilevazioni eseguite all'aeroporto di Helsinki dagli studiosi durante le ore di punta del traffico aereo, nell'ambito di una più ampia ricerca finanziata dall'Unione europea e denominata Pandhub, per prevenire la diffusione di agenti patogeni nei trasporti pubblici ed educare le persone a tutelarsi da infezioni.

Se già era nota la presenza di germi sulle superfici che tocchiamo quotidianamente come tablet e cellulari, o su mezzi pubblici come treni e metropolitane, l'analisi dell'ambiente aeroportuale mancava all'appello. E lo studio si è concentrato soprattutto sulla ricerca dei virus più comuni, come quello responsabile della comune influenza A o del raffreddore.

Direttamente toccata dai risultati della ricerca, la compagnia Finavia, che gestisce l'aeroporto di Helsinki, ha assicurato che vengono rispettati tutti i protocolli di igiene e che i vassoi incriminati vengono puliti quotidianamente. Ma i dati parlano chiaro, e se le compagnie aeroportuali possono migliorare le loro prassi igieniche, anche i passeggeri sono invitati a qualche precauzione, prima tra tutte lavarsi accuratamente le mani, per tutelare se stessi e gli altri, soprattutto perché eventuali i contagi virali che avvengono in un luogo come l'aeroporto possono diffondersi rapidamente da un punto all'altro del mondo.

(Unioneonline/b.m.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook