Cronaca » Mandas

Tragedia familiare a Mandas
Mamma uccide i figli e si spara

Giovedì 06 Settembre alle 14:31 - ultimo aggiornamento alle 21:53


I carabinieri sul posto

Una tragedia è avvenuta oggi a Mandas: una donna ha ucciso i suoi due figli gemelli, disabili e allettati, e poi si è sparata.

Le vittime, Paolo e Claudio Calledda, 42 anni, sono morte sul colpo mentre la donna, Angela Manca, 64 anni, è in gravi condizioni.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Dolianova per effettuare i primi rilievi.

Il duplice omicidio è avvenuto nella casa di famiglia: la mamma è entrata nella camera dei figli impugnando un fucile da caccia, regolarmente denunciato e appartenente al genero che vive nella stessa abitazione. Questi e la figlia proprio oggi sono partiti per le vacanze e, appreso quanto accaduto, stanno tornando in paese.

Una volta colpiti i gemelli, ha rivolto il fucile verso di sé e ha esploso un altro colpo.

Subito sono scattati i soccorsi e la donna è stata portata in elicottero in ospedale.

(Unioneonline/s.s.)

 
il sindaco marco pisano
Il dolore del sindaco: "Due angeli sono volati in cielo"

 
l ospedale brotzu
La donna grave al Brotzu. Il paese sotto choc

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

37 commenti

  • user0000001 07/09/2018 13:50:49

    si continua a parlare di sinistrosi, migranti, etc. Seriamente, in che mondo viviamo? Di fronte a tali tragedie si dovrebbe solo stare zitti e riflettere su quanto siamo fortunati.
  • cherubino 07/09/2018 12:51:08

    Trovo veramente assurdo che a fronte di tragedie di questo tipo, si debbano tirare fuori responsabilità politiche o ancor peggio si debba sproloquiare facendo affermazioni false su denari destinati ai migranti e sottratti ai disabili. Meglio stare zitti anziché provocare dietro un nickname numerico.
  • user235427 07/09/2018 09:44:37

    Triste realtà e dolore per queste persone. purtroppo Stato e autorità locali assenti... non populismo... basti vedere quel che succede ieri...la ASL di Carbonia non risponde alle lettere della ASL di Buggerru dopo 3 anni... interviene Videolina forse qualcosa succede ? e' normale ??... in una nazione governata male x 10 anni si... in altri Stati nord europei non succederebbe MAI... a tutti i sinistroidi che han rispostto sotto.. prima leggete ... poi capite ...poi rispondete
  • studioroma 07/09/2018 09:08:04

    la riflessione e il gesto doloroso che questa signora ha deciso, questo sicuramente arriva al limite di un doloroso isolamento subito dalle istituzioni dello stato e, certamente la depressione assunta ha posto in essere quanto è avvenuto nel gesto. scrivo perché mi pare doveroso che lo stato dopo questi eventi prenda atto e agisca nella tutela di tutti i casi in cui è necessario non lasciare queste famiglie sole, nei termini doverosi di regole certe e di responsabilità
  • Daynamo 07/09/2018 08:58:49

    Pedron 06/09/2018 18:09:45 "Disabili e allettati 42 anni ? povera donna, l'inferno lei lo ha già passato in terra. Ora finalmente solo la pace eterna. RIP" Leggi l'articolo e non solo il titolo...la signora non è ancora morta
  • Daynamo 07/09/2018 08:52:37

    31 commenti... e neanche un messaggio di cordoglio. Sentite condoglianze a tutta la famiglia
  • freedoomland 07/09/2018 07:42:19

    Le pene di questa famiglia son finite..ora riposeranno in pace Hanno pagato con la vita la liberazione da un'esistenza indegna di cittadini ITALIANI .. ignorati da un" PAESE CIVILE" che avrebbe dovuto aver cura di loro e non lasciati al proprio triste destino...R.I.P......A BUONI INTENDITORI poche parole...
  • user215573 07/09/2018 07:27:53

    Col senno di poi siamo tutti bravi !.... vorrei solo dire che quando si arriva a un gesto come questo la disperazione e al massimo !!! Povera gente
  • ienaridens 06/09/2018 23:49:32

    il mio pensiero va a chi come loro oggi soffre in solitudine. non ho altro da dire ma ho voluto scrivere nonostante non serva a nulla. spesso chi soffre con dignità non ha nemmeno il coraggio di lamentarsi o chiedere aiuto.
  • falco459 06/09/2018 22:47:31

    Una tragedia , probabilmente non ha retto , avrebbe avuto non solo bisogno di supporto psicologico ma soprattutto un supporto fisico per non parlare del lato economico. Sicuramente chi deteneva l'arma non era custodita nella dovuta maniera la quale doveva essere chiusa dentro armadio blindato