Cronaca » Provincia di Roma

Diciotti, spariti 50 migranti. Don Soddu (Caritas): "Non sono detenuti"

Mercoledì 05 Settembre alle 17:56 - ultimo aggiornamento alle 21:16


Sono andati via decine di migranti sbarcati dalla nave Diciotti e affidati alla Cei o al centro di Messina, come riferiscono fonti ufficiali del Viminale.

A quanto si apprende, dei 50 migranti mancanti all'appello, sei si sono allontanati il primo giorno di trasferimento, tra cui due eritrei attesi dalla Diocesi di Firenze domenica, altri 19 si sono allontanati due giorni fa e tredici, destinati a varie diocesi, ieri.

"Più di 50 degli immigrati sbarcati dalla Diciotti - ha commentato il ministro degli Interni Matteo Salvini - erano così 'bisognosi' di avere protezione, vitto e alloggio, che hanno deciso di allontanarsi e sparire! Ma come, non li avevo sequestrati? È l'ennesima conferma che non tutti quelli che arrivano in Italia sono 'scheletrini che scappano dalla guerra e dalla fame'. Lavorerò ancora di più per cambiare leggi sbagliate e azzerare gli arrivi".

Il post

"Ricordiamo che, per la legge, - dichiarano i sottosegretari all'Interno, Stefano Candiani e Nicola Molteni - queste persone hanno libertà di movimento e quindi non sono sottoposte alla sorveglianza dello Stato. Erano così disperate che hanno preferito rinunciare a vitto e alloggio garantiti per andare chissà dove".

"È l'ennesima prova - concludono - che chi sbarca in Italia non sempre scappa dalla fame e dalla guerra, nonostante le bugie della sinistra e di chi usa gli immigrati per fare business".

SODDU: "NON È UNA FUGA" - "Non è una fuga, non sono detenuti - precisa don Francesco Soddu, presidente della Caritas Italia -. Che qualcuno non si era reso reperibile lo sapevamo, pensavamo si potessero rintracciare. Sappiamo che questa tipologia di persone è difficile, per le storie che ha alle spalle. Questi migranti non volevano rimanere in Italia, volevano ricongiungersi con parenti e amici che erano in altri Paesi".

"Io sono stato anche questa mattina da loro - riferisce don Soddu - e ho visto nei loro occhi una storia non solo drammatica, direi davvero terribile della loro vita, ho letto la disperazione; poi, ciascuno la calibra a suo modo. Ma il volto di queste persone testimonia quanto siano disperati".

"E poi - prosegue - come si fa a dichiarare che 'si sono dileguati'? Si fugge da un carcere o se si è inseguiti e non mi pare sia questo il caso. Noi abbiamo offerto accoglienza, il gesto si spiega con la disperazione di chi ha attraversato prima il deserto e poi il mare, di chi è stato nelle carceri libiche e ora si trova qui a decidere della propria vita, anche con decisioni poco razionali su cui tutti ci interroghiamo".

(Unioneonline/D)

 
l arrivo a rocca di papa dell autobus con a bordo i migranti
"Torturati e venduti in Libia", il racconto dei migranti della Diciotti

GLI ARRIVI:

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

34 commenti

  • CCMascia 07/09/2018 10:45:53

    Forse mi sfugge qualcosa, ma le leggi a cosa servono? tanto vale abolirle. Rispondendo alle dichiarazioni di SODDU << NON SONO CARCERATI........VORREBBERO RIUNIRSI AI LORO FAMILIARI E SCAPPANO PER LE LORO BRUTTE ESPERIENZE>>, ma se così fosse, perché non attendere tranquillamente l'iter per il riconoscimento di rifugiati e solo dopo raggiungere i loro parenti. Dovrebbe bastargli l'assistenza ed il tentativo di inserimento che gli stanno dando. Ma in Italia si fa quel che si vuole.
  • Utente_US 07/09/2018 09:27:34

    Rientrano il venerdi notte dopo un'intensa settimana di lavorooooooooo! OooooooooH
  • nopagoafitto 06/09/2018 16:47:45

    Pietropaolo2, statistiche di che tipo? Prese da dove? Fatte da chi? Su quali basi? Mi sa tanto che sei uno di quelli che si beve ogni cosa letta su internet.
  • Utente_US 06/09/2018 14:43:57

    Sono scappati all'università per aggiornarsi..
  • Pietropaolo2 06/09/2018 14:38:34

    Nopagoaffitto.... è la statistica che ce lo dice. da quando sono iniziati gli sbarchi, ci son statistiche che rapportano il numero di migranti con il numero di essi coinvolti in reati. percentuali allucinanti. Ormai è più semplice informarsi che dire balle.
  • franknews 06/09/2018 12:35:28

    Era scontato che andasse a finire così, forse solo qualche credulone della caritas o qualche pidiota in mala fede, credeva il contrario. Salvini, oltre a quel solerte magistrato, dovrebbe chiedere conto alla caritas di questi clandestini scappati e che adesso sono in giro per l'Italia campando di espedienti.
  • nopagoafitto 06/09/2018 12:06:59

    Ma quelli che parlano di 50 potenziali delinquenti (uno addirittura scrive "dal dubbio passato"), conoscono personalmente tutti i migranti o scrivono certe cose solo perché i migranti in questione sono neri?
  • Sorigumaccu 06/09/2018 10:56:40

    Soddu sono entrati irregolarmente quindi smettila di filosofeggiare
  • Vanila 06/09/2018 10:53:59

    In questa sparizione c'è lo zampino di Silvan.
  • ddeddeddu 06/09/2018 10:45:13

    ...e intanto ci sono in giro per il paese persone dal passato dubbio senza un documento un nome o un qualcosa che, in caso delinquessero, li possa far risalire a loro! Bene bravi, complimenti a chi doveva controllare... State facendo un ottimo lavoro in termini di sicurezza per.il nostro paese! Vorrei vedere se poi uno di questi ammazza una persona di chi è la responsabilità!