Cronaca » Provincia di Genova

Ponte Morandi, Toninelli: "Autostrade pagherà, ma non ricostruirà". Scontro Toti-Di Maio

Martedì 04 Settembre alle 18:50 - ultimo aggiornamento alle 22:51


Il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli. (Foto Ansa)

"Il governo è compatto nel ritenere che i lavori di ricostruzione del ponte non possano essere affidati ed eseguiti da chi giuridicamente aveva la responsabilità di non farlo crollare - ha detto oggi il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli all'Aula della Camera, facendo il punto sul crollo del ponte Morandi a Genova - Lasciare ad Autostrade per l'Italia la ricostruzione del viadotto sarebbe una follia e irrispettoso nei confronti dei familiari delle vittime. La ricostruzione va affidata a un soggetto a prevalente o totale partecipazione pubblica dotato di adeguate capacità tecniche, mantenendo in capo al concessionario l'ovvio onere dei costi".

Da qui l'affondo contro le società concessionarie dello Stato che d'ora in poi "saranno vincolate a reinvestire gran parte degli utili nell'ammodernamento delle infrastrutture che hanno ricevuto in concessione e dovranno comprendere che l'infrastruttura non è una rendita finanziaria, ma un bene pubblico del Paese".

E nel suo lungo intervento il ministro pentastellato tocca anche il tema degli alloggi, garantendo agli sfollati che il Governo "metterà in campo forme di aiuto in ordine alle rate dei mutui che molte famiglie sono costrette a pagare su immobili che non possono più abitare", mentre per le imprese colpite saranno previste "forme di agevolazione fiscale o incentivi alla temporanea delocalizzazione".

Tre mesi è poi l'arco di tempo previsto da Toninelli perché le 255 famiglie rimaste senza casa abbiano una sistemazione, mentre a oggi gli alloggi messi a disposizione sono 170.

SCONTRO TOTI-DI MAIO - Ma dopo il discorso alla Camera le polemiche si riaccendono fuori dai corridoi di Montecitorio, con il botta e risposta via social tra il vicepremier Luigi Di Maio e il Governatore ligure Giovanni Toti.

La miccia è un Tweet del ministro per il Lavoro e lo Sviluppo a sostegno dei cittadini che stamane hanno protestato durante il consiglio al Palazzo della Regione Liguria, perché "non si lascia la gente in Italia in balia delle elemosina di Autostrade".

Il Governatore ligure Giovanni Toti con uno degli sfollati durante il consiglio in Regione. (Foto Ansa)
Il Governatore ligure Giovanni Toti con uno degli sfollati durante il consiglio in Regione. (Foto Ansa)

Immediata la replica di Toti, che attacca a muso duro il vicepremier: "Caro Luigi Di Maio, ma a Genova ci sei pure venuto, come fai a dire queste cose? Le famiglie che hanno dovuto abbandonare le loro case stanno tutte avendo un alloggio pubblico. E a tempo di record, grazie a Comune e Regione. I soldi che ricevono sono quelli decisi dal governo, quindi da Di Maio stesso. Se pensa che siano pochi... li aumenti subito, noi siamo più che d'accordo".

Il post di Toti

(Unioneonline/b.m.)

 
la protesta degli sfollati durante in consiglio regionale a genova (foto ansa)
Tragedia del Ponte Morandi, la protesta degli sfollati in Regione

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • gzola 05/09/2018 09:59:52

    Pienamente in sintonia con il ministro, ma in un paese che si definisce civile e tecnologicamente avanzato i concessionari del bene pubblico dovrebbero, anziché lucrare, reinvestire in sicurezza adeguamento e rinnovamento senza che nessuno glielo debba ricordare, ma in Italia no, le concessioni sono a totale vantaggio del fortunato, quasi sempre amico di qualcuno, che riesce ad ottenerle