Cronaca » Provincia di Agrigento

"Torna al tuo paese": calci e pugni a un 16enne tunisino

Lunedì 03 Settembre alle 09:00


Preso a calci e pugni al grido: "Tornatene al tuo paese".

L'ennesimo caso di intolleranza si è verificato a Raffadali, in provincia di Agrigento.

La vittima è un ragazzo di 16 anni di origine tunisina.

A raccontare l'aggressione è stato Giovanni Mossuto, responsabile del centro d'accoglienza dove il ragazzo risiede.

Secondo quanto riferito, il giovane - Ahmed - è stato avvicinato da un uomo del posto, che prima lo ha colpito con lo sportello dell'auto e poi si accanito con le botte.

Quindi si è dileguato, mentre il 16enne è stato ricoverato in ospedale con lividi e contusioni su tutto il corpo.

"Ahmed è arrivato in Italia da solo più di un anno fa con uno dei tanti barconi di disperati partiti dalle coste tunisine - spiega Mossuto - ed è stato assegnato in una struttura di minori di seconda accoglienza a Raffadali, comune che lo ha accolto con amore e grande disponibilità all'integrazione. In questi mesi grazie al suo bel carattere ha conosciuto tanti suoi coetanei raffadalesi. Però malgrado questo in questi mesi Ahmed e gli altri ospiti della comunità sono stati oggetto di insulti, sputi e minacce da parte di un piccolo razzista nostrano".

Sull'episodio indagano le forze dell'ordine.

"È stata fatta denuncia. Noi non vogliamo che queste aggressioni razziste passino in silenzio", conclude Giovanni Mossuto.

(Unioneonline/l.f.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

7 commenti

  • nopagoafitto 04/09/2018 12:02:14

    Alex_Mahone, mi dispiace dirti che non hai voce in capitolo, l'unica cosa che puoi decidere di fare è andartene tu. Dubito che se lo facessi qualcuno sentirebbe la tua mancanza.
  • Utente_US 04/09/2018 00:00:25

    Il fatto risulta più grave della guerra dalla quale è scappato.
  • Alex_Mahone 03/09/2018 23:14:55

    no, non lo giudico un gesto aberrante ma un giusto segnale. se ne devono andare, tutti
  • nopagoafitto 03/09/2018 19:01:36

    Alex_Mahone, non è stata pestata "questa gente" (poi questa gente chi?), è stato picchiato un ragazzo di 16 anni. Ne sei felice? Non lo giudichi un gesto aberrante? Complimenti.
  • nopagoafitto 03/09/2018 16:59:36

    mariusIOAN, la risposta è talmente evidente che chiederselo è davvero una perdita di tempo. Prendere a calci e pugni un ragazzo solo perché proviene da un determinato paese o ha la pelle scura dipende solo da ignoranza e inciviltà. Purtroppo esistono anche persone del genere.
  • Alex_Mahone 03/09/2018 16:43:56

    marius, la spiegazione è che questa gente non è la benvenuta, e non è benvenuta perchè ha portato delinquenza e miseria più di quelle che c'erano già prima. In italia di sicuro non ci devono stare, non è il loro posto, non li vogliamo e soprattutto non ce ne facciamo niente.
  • mariusIOAN 03/09/2018 14:52:57

    È possibile che mai, nessuno, si è chiesto: ma perché, cari italiani, si è arrivato a simili, RIPROVEVOLI, episodi del genere ...!??? p.s.: ...perché, una spiegazione dev'esserci ...!!!