Cronaca » Iglesias

Primo matrimonio a Porto Flavia, la galleria mineraria affacciata sul mare di Masua

Domenica 02 Settembre alle 17:57 - ultimo aggiornamento alle 19:03


Il matrimonio a Porto Flavia

Troppo banale, per loro, giurarsi amore eterno in un'anonima sala comunale. Ma anche la spiaggia sarebbe stata poco originale, ormai.

Una galleria mineraria - ormai in disuso e meta preferita per le visite turistiche - invece no. Soprattutto se si chiama Porto Flavia e si affaccia sul mare mozzafiato di Masua, frazione di Iglesias, dove si tuffa il faraglione-monumento naturale chiamato Pan di Zucchero.

È proprio in questo scenario incantevole che Matteo Erriu e Valentina Sanna - entrambi di Iglesias - sono diventati marito e moglie. A celebrare le nozze è stato un amico della coppia, che ha scelto di avere accanto anche Milo e Pai, fedeli compagni a quattro zampe.

Matteo e Valentina con i cani
Matteo e Valentina con i cani

"È andato tutto perfettamente, ben oltre le nostre aspettative", hanno commentato i novelli sposi, ringraziando il Comune e l'agenzia che ha curato l'organizzazione: "Ci hanno aiutato a superare anche gli intoppi burocratici che si sono presentati in agosto e ci hanno fatto vivere momenti di tensione. Siamo felici che il Comune abbia inserito Porto Flavia nell'elenco dei luoghi in cui celebrare le nozze civili".

Anche Francesca Pittau, titolare della "Wedding designer", è soddisfatta: "La richiesta di location alternative è in aumento, soprattutto da parte delle coppie trentenni. È positivo che ci siano queste possibilità, Porto Flavia è incantevole e siamo felici di aver allestito il primo matrimonio in questo luogo incantevole".

Il regolamento con cui si individuano le location è dell'anno scorso: oltre a Porto Flavia ci sono il Castello Salvaterra, il Belvedere di Nebida, il molo e la spiaggia di Masua, la colonia della foresta Marganai. "È un'occasione straordinaria anche per valorizzare il nostro patrimonio", osserva il sindaco, Mauro Usai.

Le foto dopo il sì
Le foto dopo il sì

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

2 commenti

  • nur 03/09/2018 18:58:59

    I cani proprio di cattivo gusto
  • freedoomland 03/09/2018 00:24:46

    Era ora che pure in Sardegna si iniziasse a valorizzare luoghi a molti sconosciuti tramite cerimonie del genere e a trarne pure un reddito per I comuni a cui appartengono..facendo felici I celebrati e allo stesso tempo tenendo in vita strutture che andrebbero a perdersi..