Cronaca » Provincia di Padova

Migranti, le intercettazioni dell'ex prefetto di Padova: "Ne abbiamo fatte di porcherie"

Sabato 01 Settembre alle 08:41 - ultimo aggiornamento alle 14:49


Patrizia Impresa, ex prefetto di Padova (foto Ansa)

"È vero che ne abbiamo fatte di porcherie, però quando le potevamo fare".

Sarebbero queste le parole pronunciate il 14 aprile dell'anno scorso dall'ex prefetto di Padova, Patrizia Impresa, in un dialogo con il suo vice, Pasquale Aversa, delegato a occuparsi della gestione dei migranti, secondo le intercettazioni pubblicate dal "Mattino di Padova".

Alcune conversazioni di Impresa sarebbero infatti state ascoltate dai carabinieri impegnati in un'inchiesta sull'accoglienza in Veneto e poi trascritte nel rapporto conclusivo stilato dai militari.

Le telefonate del prefetto sono finite nel mirino degli inquirenti, che sospettano possibili illeciti nell'affidamento della gestione degli immigrati ad alcune società locali e in particolare la cooperativa Ecofficina, che gestisce alcuni centri nella zona.

Impresa non è indagata e da tre mesi svolge l'incarico di vice capo di gabinetto del ministero dell'interno Matteo Salvini.

Proprio quest'ultimo ha commentato l'andamento delle indagini sul caso migranti: "Il governo di centrosinistra negava l'emergenza sbarchi, ma poi scaricava il problema sui prefetti e li costringeva a spostare i clandestini da un Comune all'altro - come nel gioco delle tre carte - per non irritare sindaci del Pd, ministri in visita o presidenti Anci del Pd. È il quadro vergognoso che emerge dall'inchiesta di Padova", ha detto il vicepremier.

"Io, invece, voglio bloccare gli sbarchi e mi prendo tutte le responsabilità delle mie scelte. Se qualche funzionario ha sbagliato è giusto che paghi. Ma chi sono i mandanti politici di tutto questo?", ha concluso il leader della Lega.

"Sono amareggiata, sono state estrapolate e pubblicate frasi completamente decontestualizzate", ha commentato l'ex prefetto di Padova, "sono assolutamente certa della correttezza dei miei comportamenti. Quelle frasi fanno parte di un carteggio di centinaia di pagine ampiamente esaminato dall'autorità giudiziaria".

(Unioneonline/F)

 
un barchino in una foto d archivio
Nuovi sbarchi di migranti: due barchini a Sant'Antioco

 
l arrivo a rocca di papa dell autobus con a bordo i migranti
"Torturati e venduti in Libia", il racconto dei migranti della Diciotti

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

3 commenti

  • user240269 01/09/2018 14:57:19

    Ci auguriamo che abbiano intercettato tutti gli altri prefetti che abbiano avuto a che fare con i migranti e che vengano rese pubbliche tutte le intercettazioni.
  • Giano 01/09/2018 12:53:04

    Onestamente, abbiamo sempre avuto qualche leggerissimo sospetto che sull'immigrazione (e su altro) si siano fatte (e si continuino a fare) delle porcherie vergognose per interessi economici di coop o di politici. Bisogna essere ciechi e sordi, come le tre scimmiette del PD per fingere di non vedere.
  • Utente_US 01/09/2018 09:42:49

    Ecco, scoperchiate tutta la faccenda, i porci che le hanno combinate da condannare e gli ingenui provare vergogna di tutto questo schifo.