Cronaca » Provincia di Verona

Verona, donna rinchiusa per due settimane in un cassone della frutta

Giovedì 30 Agosto alle 09:46


Una donna di origini polacche è stata segregata in un cassone della frutta per due settimane.

È successo a Sommacampagna, in provincia di Verona, dove alcuni operai hanno allertato le forze dell'ordine, dopo aver sentito delle grida vicino a un'azienda agricola nei pressi dell'autostrada A4.

Gli agenti della polizia stradale di Verona Sud e i carabinieri della compagnia di Villafranca sono intervenuti sul posto e hanno trovato all'interno di un cassone di mele una donna.

Le forze dell'ordine hanno poi arrestato un 53enne italiano, sospettato di essere il suo aguzzino.

Ora è accusato di sequestro di persona e tortura

Secondo quanto emerso dalle indagini, la donna - che prestava servizio nell'azienda dell'uomo - sarebbe rimasta ingabbiata nel cassone per 14 giorni.

Il 53enne le concedeva una mela e una bottiglietta d'acqua al giorno per alimentarsi.

(Unioneonline/F)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

4 commenti

  • rosalux 30/08/2018 17:54:42

    Mamma mia. Non esistono limiti alla cattiveria umana. Basterà l'ergastolo?
  • nagasaki 30/08/2018 13:56:53

    ci vuole un pena esemplare.........
  • Marinero 30/08/2018 12:01:52

    Non dovevano chiudere i manicomi.
  • mac13 30/08/2018 11:17:15

    A questa "bestia" gli farei fare la stessa prova...