Cronaca » Provincia di Genova

Genova, la tragedia del ponte. Una lettera diceva: "Non è sicuro"

Giovedì 30 Agosto alle 09:45


Un'immagine del crollo del ponte a Genova (foto Ansa)

I problemi al ponte Morandi di Genova, crollato a metà agosto, erano noti già da febbraio: a questa conclusione sembra giungere una lettera firmata da Michele Donferri Mitelli, direttore della manutenzione di Autostrade per l'Italia, che metteva in guardia il ministero delle Infrastrutture in merito ai rischi che si potevano correre in caso di ritardo "nell'approvazione del progetto esecutivo di rinforzo del ponte".

La missiva, resa nota da L'Espresso, viene bollata da Autostrade come "ordinaria comunicazione con cui la competente direzione del ministero delle Infrastrutture viene sollecitata per l'approvazione del progetto di miglioramento delle caratteristiche strutturali del viadotto Polcevera, per il quale era già stato prodotto il parere favorevole da parte del Provveditorato Interregionale delle Opere Pubbliche, tenuto conto che il tempo di approvazione da parte del ministero si stava protraendo oltre il termine dei 90 giorni".

"Il progetto - prosegue la nota di Autostrade - aveva l'obiettivo di migliorare la vita utile dell'infrastruttura", e sarebbe quindi "assolutamente fuorviante e non veritiera" l'interpretazione secondo cui "si sarebbe trattato di una 'lettera d'allarme' che metteva in guardia sulla 'non sicurezza' del viadotto".

Quella del direttore, sostiene invece il settimanale, "è la seconda di cinque lettere scritte al ministero tra il 6 febbraio e il 13 aprile 2018".

Non è chiaro però chi le abbia ricevute perché come destinatario c'è solo l'ufficio.

(Unioneonline/s.s.)

 
giovanni toti e renzo piano
Genova, Renzo Piano dona "un'idea di ponte" alla città

 
le macerie del ponte (ansa)
Ponte Morandi, Autostrade svela i testi secretati. Toninelli: "Basta inseguire le emergenze"

 
il ponte morandi dopo il crollo (foto ansa)
Crollo del ponte di Genova, "a settembre via alla demolizione"

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

4 commenti

  • WGrillo 30/08/2018 17:21:04

    Ok il Pd sparisca per sempre dalla faccia della terra e risarcisca tutte le famiglie delle vittime!
  • Lando65 30/08/2018 13:08:26

    Ora si fanno lo scaricabarile all'italiana..autostrade d'Italia deve risarcire il danno materiale è morale visto che avevano loro la cura e manutenzione.Il resto sono solo chiacchiere.
  • user239708 30/08/2018 12:24:29

    SEGUE.... si rimise in tavolo la proposta del ponte di Genova, sapete chi bloccò di nuovo ? un ex regionale che passò al PD! allora non esistevano i NOGRONDA e il Partito 5S! ad oggi la procura indaga per ignoti sul crollo, mentre 3 procure indagano su Salvini (che non ho mai votato e mai voterò) per il caso Diciotti! Adesso perché io devo ancora credere alla sinistra ad oggi? perché non si stanno zitti dopo i danni che hanno fatto? mi viene in mente solo una parola: RIDICOLI
  • user239708 30/08/2018 12:19:38

    Se qualcuno si informasse meglio , quel ponte era 1994 che andava ristrutturato, L'allora Autostrade per l'Italia era pubblica, ed aveva dichiarato che quel ponte era studiato per 20 mila auto, Il governo Berlusconi decise di stanziare 40 miliardi di vecchie lire, sapete chi ha bloccato tutto? La sinistra di allora, caduto il governo Berlusconi arrivo Prodi che cancellò tutto e si dovette pagare le penali alle varie ditte che avevano vinto il bando. Al ritorno di Berlusconi,..... CONTINUA