Cronaca » Sardegna

Sardegna sfregiata dai turisti: "Serve il Daspo ambientale"

Giovedì 30 Agosto alle 08:42 - ultimo aggiornamento alle 19:44


Un "Daspo ambientale" contro i crimini che colpiscono il patrimonio naturale della Sardegna: a proporlo è Carmelo Spada, delegato Wwf per l'Isola.

"In poche ore - spiega - si sono succeduti episodi barbari per i quali il Wwf chiede il massimo della sanzione amministrativa. Ma ancor di più chiede un Daspo ambientale nei confronti di questi incivili, perché vengano allontanati dalla Sardegna".

"Una simile tipologia di turista non deve mettere più piede nella nostra Isola", aggiunge.

Due i casi registrati negli ultimi giorni: il primo nell'Area marina protetta di Capo Carbonara, dove una nacchera di mare (Pinna nobilis) lunga alcune decine di centimetri è stata prelevata dall'acqua, "come se fosse un bancomat", a Porto Giunco, Villasimius.

Si tratta, ricorda, di "una specie particolarmente protetta inserita negli allegati della Direttiva 92/43/CEE (Direttiva Habitat) dell'Unione europea in quanto di interesse comunitario e richiede una protezione rigorosa. La sua raccolta è assolutamente vietata e può essere consentita per soli fini scientifici".

La Pinna nobilis, spiega Spada, "è a rischio perché potrebbe essere rimasta vittima di un patogeno che ne starebbe provocando una moria diffusa. Purtroppo il fenomeno è già stato riscontrato anche nei mari e nelle aree marine protette della Sardegna".

Il secondo episodio è avvenuto a Cala Cipolla, nella zona di Chia, e "ha visto protagonista un tale che ha fiocinato e squartato in riva al mare un esemplare di razza che stava, peraltro, per partorire".

In entrambi i casi, annuncia il delegato per l'Isola, "Wwf si costituirà parte civile contro i barbari ambientali che compiono simili atti criminali contro natura, con l'aggravante che sono stati perpetrati all'interno di aree marine protette".

(Unioneonline/s.s.)

I RECENTI EPISODI:

 
i sassi sequestrati
Trenta chili di sassi rubati sulle spiagge e sui fondali sardi, coppia fermata a Olbia

 
una razza (foto d archivio)
Uccide e fa a pezzi una razza a Cala Cipolla, nei guai un 45enne

 
la nacchera sequestrata
Preleva una nacchera di mare dall'area protetta: turista rischia l'arresto

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

17 commenti

  • gputzu 31/08/2018 11:34:39

    Punire severamente tutte le persone incivili, sardi o turisti non fa differenza.
  • user220814 31/08/2018 09:30:10

    Troppo lassismo, assenza di controlli e, purtroppo, sardi che non danno il buon esempio. Se un turista vede ai lati della strada immondizie, lavatrici e materassi che fa? Anche lui lancia dall'auto il suo sacchetto di rifiuti. Al mare gli autoctoni non sono del tutto ineccepibili quindi gli estranei fanno altrettanto. Gli incendi sono di solito i sardi ad appiccarli, quindi perché fare attenzione a dove si butta il mozzicone? Puniamo i "turisti maleducati", ma anche i sardi colpevoli!
  • Emanuele_A 31/08/2018 09:07:57

    Signori, il Daspo non serve a nulla perché l'anno prossimo il soggetto andrà in vacanza da un altra parte a fare danni.
  • user214759 30/08/2018 23:48:02

    È questo è il turismo che arriva in Sardegna e che vogliamo? Pene esemplari a gentaglia simile.
  • shellerau 30/08/2018 22:42:19

    Pienamente d' accordo sulle sanzioni ai barbari saccheggiatori dei nostri mari. Mi chiedo con quale diritto il wwf possa costituirsi parte civile. Forse il wwf ha comprato una parte delle azioni della società "Sardegna"?
  • mysardinia 30/08/2018 21:06:19

    fare pagare a questa gentaglia sporca
  • user218714 30/08/2018 16:28:34

    Questo è il risultato per far leva soprattutto sul turismo. Fra 20-30 anni non lasceranno più niente...si portano via anche le uova (massi rotondeggianti sulle rive del mare), come fatto da un altro balordo. Solo la punizione pecuniaria non basta, ci vogliono 2-3 mesi di carcere e liberazione solo dopo decine di migliaia di euro. Sfiderei chiunque a provarci.
  • giova14 30/08/2018 12:25:10

    Quoto totalmente Ribelle 64, comunque l' idea del Daspo ambientale la trovo eccellente chi deturpa, rovina, danneggia la Sardegna in ogni suo punto a terra come in mare va denunciato e allontanato dall' isola, con il marchio di maleducato ed incivile, a forasa !!
  • user243929 30/08/2018 12:00:20

    Nell'area marina protetta sinis mal di ventre è normale vedere pescatori subacquei a qualsiasi ora del giorno, stante la mancanza di controlli
  • nagasaki 30/08/2018 11:00:46

    Il nostro patrimonio naturale va rispettato senza se e senza ma e chi viene sorpreso a fare scempi va subito arrestato con sanzioni che facciano rabbrividire, quella povera razza stava per partorire 3 piccoli.