Cronaca » Egitto

Caso Regeni, migranti e cooperazione: Di Maio incontra Al Sisi

Mercoledì 29 Agosto alle 18:34 - ultimo aggiornamento alle 19:09


Il vertice tra il presidente egiziano Al Sisi e il vicepremier Luigi Di Maio. (Foto Ansa)

"Il caso di Giulio Regeni è stato il primo argomento affrontato - ha dichiarato il vicepremier Di Maio al termine dell'incontro con il presidente egiziano Al Sisi - Ci aspettiamo una svolta dall'incontro che ci sarà a breve tra le Procure".

Fiducia espressa anche dalla controparte egiziana, con Abdel Fattah Al Sisi che conferma la volontà "di scoprire i responsabili e consegnarli alla giustizia".

Ma l'incontro bilaterale ha toccato anche il delicato tema dei flussi migratori, perché, secondo il leader del Movimento 5 Stelle, proprio le relazioni con l'Egitto possono fornire un aiuto nella stabilizzazione della situazione libica, luogo di partenza della maggioranza dei migranti diretti verso l'Europa.

"Se vogliamo riportare il Mediterraneo al suo splendore non possiamo prescindere dai rapporti tra Italia ed Egitto - prosegue Di Maio, ricordando che dal 2016 il Paese nordafricano non registra partenze - Quando una regione si stabilizza non partono più i barconi ed è quello che auspichiamo avvenga anche per la Libia".

Gli fa eco il presidente Al Sisi, ricordando che "l'Egitto ha dato ospitalità a milioni di rifugiati, ma sono qui come ospiti e sono integrati nella società in piena libertà".

Toni concilianti e rassicuranti da entrambe le parti, per sottolineare il ritorno di buone relazioni tra i due Paesi e l'intenzione di incentivare la cooperazione bilaterale, sul modello di quella già in corso con la presenza del gruppo Eni in Egitto.

Non tutti, però, hanno gradito l'incontro, e dall'Italia arrivano le dure critiche di esponenti dell'opposizione come Arturo Scotto di Leu, indignato per i toni usati dal presidente egiziano e per l'atteggiamento del ministro dello Sviluppo Economico: "Quando Al Sisi ha detto a Di Maio che 'Regeni è uno di noi' il vicepresidente del Consiglio doveva alzarsi e andarsene. Lui rappresenta tutto il Paese, non può accettare che dopo tanto tempo le indagini siano ancora insabbiate e che arrivino ancora una volta fasulle rassicurazioni. È davvero inaccettabile assistere all'ennesima umiliazione del popolo italiano".

(Unioneonline/b.m.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • nagasaki 29/08/2018 20:33:09

    Non ce più sordo di uno che non vuol sentire, il caso Regeni non avrà sicuramente nessuna chiarezza, il Regeni entrando in un contesto molto pericoloso data la situazione politica in Egitto, gli egiziani hanno perso la liberta che avevano acquisito con Mubarak, vi dico anche questo le stazioni di benzina dove noi andiamo a fare il pieno alla nostra auto è in mano dei militari cosi anche le autostrade, insomma tutto è in mano alla forza militare.