Cronaca » Olbia

L'addetto "confonde" sbarco con imbarco: comitiva diretta a Olbia perde il traghetto

Martedì 28 Agosto alle 17:52


Uno dei turisti - Marco Garesio - mostra l'esposto che la comitiva ha presentato alla Capitaneria del porto di Genova

A Genova per questioni professionali, domenica alle 9 avrebbe dovuto imbarcarsi sul traghetto per Olbia insieme ad altri 7 turisti e fare rientro nel Sulcis per un importante incontro di lavoro.

Invece per l'errore macroscopico di un vigilante (che ha scambiato le operazioni di imbarco per quelle di sbarco e che per lo sbaglio ha anche accusato una crisi nervosa) la comitiva di cui faceva parte l'imprenditore massargese Marco Lilliu, 32 anni, è rimasta a terra.

Non solo: sballottato "con modi bruschi" da un ufficio all'altro del porto, il gruppo, che contava anche alcuni anziani, racconta di "non aver ricevuto né comprensione né un minimo di aiuto dai funzionari della compagnia Moby" da cui avevano regolarmente e in anticipo acquistato il biglietto.

Tra scaricabarili vari, incontri disertati per risolvere il disservizio e ulteriori spostamenti da una parte all'altra del grande porto genovese, la comitiva è riuscita a prendere un traghetto per Olbia soltanto a mezzanotte, arrivando a Olbia alle 11.30 di lunedì.

Non prima, però, di aver depositato alla Capitaneria di Porto un esposto congiunto nel quale il gruppo di viaggiatori ha descritto l'incredibile trattamento ricevuto.

L'impresario edile di Villamassargia ha dovuto disertare il suo incontro di lavoro e insieme al resto dei compagni si prepara a presentare un ulteriore esposto e a rivolgersi alla magistratura per una richiesta danni.

"Assurdo il trattamento ricevuto, a fatica abbiamo avuto una sedia per una donna di 78 anni", racconta Lilliu.

"Capisco l'errore umano, ma scortesia e maleducazione non sono accettabili", aggiunge Andrea Garesio, turista torinese che faceva parte della comitiva ancora furente.

"Con altri torinesi arrivavamo da Torino dopo esserci svegliati alle 4 del mattino. Incredibile che nel 2018 venga riservato questo trattamento ai turisti".

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

3 commenti

  • defra 29/08/2018 09:23:54

    qualunque cosa si possa dire,non cambia la sostanza,quella e gente piena di ignoranza con un misto di arroganza, una miscela esplosiva ,e,il passeggero non è altro che una fonte di guadagno da sfruttare.Ti prendono a voci se non sei lesto a spostare l'auto,rischiando di innescare degli alterchi se non fosse per la pazienza ed il buon senso dello stesso passeggero.Non basterebbe un libro per dichiarare tutti i disservizi per quanto BEN PAGATI.-
  • andromakia 29/08/2018 08:26:17

    Ad Olbia una madre di una bambina di 18 mesi per errore della biglietteria si è vista negare la cabina da lei prenotata e non sono servite urla e proteste della signora Evidentemente se si ha un pressoché totale monopolio si possono tenere prezzi e comportamenti senz'alcun controllo. Il bello che in stazione marittima si trovano dei depliant di O******** dove le altre compagnie sono accusate di assumere extracomunitari per pagarli meno Pensasse a far lavorare meglio i suoi e a ridurre le tariffe
  • user215573 29/08/2018 00:08:33

    Impresario?importante impegno di lavoro?esiste l'aereo!...comunque gira e ti rigira non manchi mai una richiesta di risarcimento danno !!