Cronaca » Provincia di Trento

"Brutta negra ti uccido": Trento, le minacce razziste contro l'allevatrice etiope

Martedì 28 Agosto alle 07:59


Agitu Ideo Gudeta nella sua azienda

Agitu Ideo Gudeta è un'allevatrice etiope che vive in Trentino ed è titolare dell'azienda agricola "La capra felice", a Frassilongo (Trento).

Da tempo c'è un uomo che non le fa dormire sonno tranquilli. Uomo che dalle minacce ultimamente è passato ai fatti, aggredendola anche fisicamente.

"Brutta negra, ti uccido. Te ne devi andare, questo non è il tuo posto", questi gli insulti che l'uomo è solito proferire nei confronti dell'allevatrice.

La minaccia di morte e ultimamente, dicevamo, l'ha anche aggredita fisicamente.

Lui è stato denunciato, ma non è stato ancora fermato. "I carabinieri stanno facendo il possibile, ma purtroppo pare che intervenire in queste situazioni sia molto difficile", ha raccontato la donna al quotidiano L'Adige, facendo anche una considerazione politica. "Prima gli itlaiani, ripetono alcuni politici, e questi sono gli effetti".

Agitu - che si è trasferita in Trentino dopo essere fuggita dall'Etiopia - precisa che con le persone della valle ha un rapporto "splendido", e che l'aggressore non è un uomo del posto.

I primi segnali di intolleranza verso l'allevatrice e alcuni suoi collaboratori di colore sono arrivati nel mese di giugno dello scorso anno.

Ma in questo mese la situazione è precipitata, con due aggressioni fisiche. "Una prima volta stavo pulendo la mungitrice quando mi ha preso per il collo dicendo che mi avrebbe ucciso. Non capivo cosa stesse accadendo, mi mancava il respiro, ma in qualche modo sono riuscita a colpirlo alle parti basse e a fuggire. Sette giorni di prognosi.

Poi la seconda: "Ero al pascolo, mi ha raggiunto in moto. È sceso dal mezzo a si è avvicinato a piedi. Ho provato a difendermi col bastone, ma me lo ha strappato di mano buttandomi a terra. Poi ha iniziato a premere il legno sul collo, gridando 'Io ti uccido'. Con tutta la forza che avevo ho usato i piedi per allontanarlo e poi ho chiamato le forze dell'ordine".

Ora Agitu ha paura: "Temo accada qualcosa di brutto: vorrei solo lavorare con serenità e girare a testa alta in mezzo ai boschi con le mie capre, come facevo una volta. Voglio sentirmi sicura, nessuno può permettersi di venire a casa mia per aggredirmi, non mollo".

(Unioneonline/L)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

12 commenti

  • Jackobbe 29/08/2018 14:31:21

    user227566 prima di dire che "sia una grossa bugia" e che sia solo "pubblicità per l'azienda di questa donna" guardati il servizio del TG3 e vedi le immagini riprese col telefonino nel quale si vede una delle aggressioni subite
  • Druso 28/08/2018 18:00:57

    Se fosse solo pubblicità, come qualcuno ha postato, si sarebbe inventato altro, per esempio: ho visto un orso, (in trentino ci sono) con due teste, e non la storia di un beone senza testa, violento, e poco accogliente.
  • Alfie 28/08/2018 17:30:41

    Pif le ha dedicato una puntata di "Caro Marziano".
  • user0000001 28/08/2018 15:31:32

    certi commenti mi lasciano senza parole... vedi wing1250 e user227566.
  • shellerau 28/08/2018 15:02:05

    Forse sembrerò ingenuo, ma ho una curiosità....i boschi in cui la signora portava le sue capre, e dove vorrebbe tornare, sono di sua proprietà, oppure ha un contratto col proprietario del fondo? Forse rispondendo a questa semplice domanda da ingenuo tutto sarebbe più chiaro.
  • MORESCHINI 28/08/2018 14:52:37

    Mi rifiuto di credere che uno stalker pericoloso non possa essere messo in galera ! Agitu è conosciuta in tutto il Trentino per la bontà dei suoi caprini ed ha pure una notorietà italiana grazie a Mela Verde ed a Linea verde , è da anni in Italia ed è pure cittadina italiana grazie al marito trentino ed a quelle come lei va tutta la mia solidarietà . Sono viceversa contro tutti i clandestini irregolari e contro chi li protegge ! A Frassilongo fanno un ottima grappa ,forse lo stalker è brillo !
  • wing1250 28/08/2018 13:39:50

    in effetti sa tanto di propaganda e di disinformazia . esiste un folle cattivo che perseguita questa donna, che fa la polizia, e perchè non o curano o non lo ficcano in galera ; perchè . che c'entro io che se vedo la signora in questione mi tolgo il cappello e la saluto ,diciamo, ma continuo tranquillamente ad essere contro i clandestini. che c'entro io, e che c'entra la signora in questione con tutto ciò ? assolutamente NULLA.
  • Antoniu 28/08/2018 10:03:49

    non ho mai capito perché in maniera più o meno velata, intellettualmente e giornalisticamente si unisce il problema del razzismo (sbagliato) con il problema dell'immigrazione incontrollata (legittima). Io riconosco che c'è un problema sull'immigrazione incontrollata, ma ho sempre lavorato gomito a gomito con persone di colore. E' così' evidente che sono due questioni distinte
  • Torre2 28/08/2018 09:55:29

    user227566, perché è pieno di italiani trogloditi e razzisti, non è una novità svegliati
  • maurzioucch 28/08/2018 09:11:42

    trovo assurdo che non si possa arrestare una persona che si comporta in quel modo....bisogna forse aspettare che la ammazzi? ma che razza di giustizia è questa dove una donna non può andare in giro tranquilla? Io sono contro i fannulloni che entrano clandestinamente e delinquono sapendo che tanto nessuno gli può fare nulla, ma chiunque venga qua a svolgere un lavoro onesto è il benvenuto e deve essere tutelato