Cronaca » Bruxelles

Ue, Oettinger sferza Di Maio: "20 miliardi dall'Italia? Una farsa, sono 3"

Lunedì 27 Agosto alle 11:49 - ultimo aggiornamento alle 15:06


Guenther Oettinger

"Una farsa". Non usa mezzi termini Ghuenter Oettinger, il commissario al Bilancio dell'Unione Europea, intervistato da Politico sulle minacce di Luigi Di Maio e Matteo Salvini, che hanno usato l'arma dei contributi italiani al bilancio europeo come ricatto nei confronti di Bruxelles sull'accoglienza dei migranti.

"Noi siamo pronti a tagliare i fondi che diammo all'Ue. vogliono 20 miliardi dei cittadini italiani? Dimostrino di meritarli e si prendano carico di un problema che non possiamo più affrontare da soli", aveva detto Di Maio in piena crisi Diciotti, poi spalleggiato dall'altro vicepremier Salvini.

Evidentemente Di Maio parlava di cifre che non conosceva: "Dovremmo correggere le cifre sbagliate", ha replicato l'inflessibile commissario tedesco. "L'Italia paga tra i 14 e i 16 miliardi l'anno, e se si sottraggono i contributi che riceve dall'Europa per i programmi di coesione, la ricerca o le infrastrutture, resta un contributo netto di tre miliardi l'anno".

Come dire che ricattino quanto vogliono, ma lo facciano sulle cifre corrette. Una cosa è parlare di 20 miliardi, tutt'altra cosa se i miliardi sono tre.

Oettinger non sembra neanche molto preoccupato dalla minaccia di Roma di porre il veto al bilancio pluriennale 2021-2027: "Ne prendiamo atto, ma non abbiamo intenzione di reagire a minacce su base quotidiana. Se lo facessimo avremmo troppo lavoro da fare".

Il commissario è poi intervenuto sulla questione migratoria: "Fino a due anni fa è vero che l'Europa ha dato troppo poco sostegno all'Italia nella sua responsabilità di accogliere i rifugiati, ma da allora la Commissione ha fatto il possibile con mezzi, risorse e denaro per sostenere l'Italia".

E non saranno certo le cifre "farsa" diffuse da Di Maio a rasserenare gli animi.

Oettinger era intervenuto subito dopo la minaccia del vicepremier, ricordando che "se l'Italia rifiutasse di pagare i suoi contributi al budget Ue, sarebbe la prima volta nella storia dell'Unione Europea, e che questo avrebbe come conseguenza interessi sul ritardo dei pagamenti e pesanti sanzioni".

(Unioneonline/L)

 
i migranti sulla diciotti (foto ansa)
Diciotti: vertice Ue chiuso con un nulla di fatto. Di Maio e Salvini: "Pronti a tagliare i fondi"

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

12 commenti

  • user247640 28/08/2018 10:42:20

    articolo confuso o in malafede. Il commissario UE parla di 14, 15 o 16 miliardi, perché pare dipenda dal PIL in percentuale. Renzi parlò di 20 miliardi, cosa possibile quando il PIl era più alto e di Di Maio rilancia la stessa cifra. Solo che questi miliardi sono ciò che va a Brussel e 3 miliardi (ma anche 5 in altri momenti) sono la sovvenzione NETTA tra ciò che l'Italia versa e ciò che l'EU restituisce come fondi. Un bravo giornalista, e non è questo il caso, lo avrebbe fatto comprendere.
  • Panis01 28/08/2018 09:09:27

    segue...... L'unico che stava facendo bene se lo sono fatto scappare, Pizzarotti sindaco a Parma, e questo denota che la loro sbandierata politica del cambiamento altro non è che fumo, tanto fumo negli occhi del popolo bue. Il cambiamento che loro propagandano, finora a portato solo incertezze, e di quelle non abbiamo bisogno: Roma, e non solo, è un esempio palese della loro incapacità ad amministrare, gli esempi si possono sprecare. I 5 stelle avranno chances solo con Salvini al loro fianco.
  • Panis01 28/08/2018 08:53:33

    nicogs 27/08/2018 22:18:31 - Che Di Maio e i suoi amici pentastellati si sarebbero dimostrati inadeguati lo di sapeva già, non capisco però perché i sardi, non tutti, alle ultime politiche abbiano votato di pancia e non di testa. Forse pensavano che questi pionieri della politica sarebbero stati in grado di sovvertire le sorti di una regione sull'orlo del default? Per continuare sulla strada dei fallimenti è sufficiente tenersi quelli che già abbiamo. Non le pare? ........segue......
  • MassiSedilo 27/08/2018 23:49:40

    Questo è il tizio che dopo le ultime elezioni diceva, anche a chi ora gli crede, che gli italiani dovevano imparare a votare. 20 miliardi è la cifra che anche Renzi , solo un anno fa, minacciava di non pagare all'Europa. Traete le opportune conclusioni. Facile insultare Di Maio vero? Pecoroni da tastiera!
  • nicogs 27/08/2018 22:18:31

    Si sa, nel nord Europa non apprezzano la sceneggiata napoletana e trattano i pagliacci italiani come tali dicendo le cose come stanno. In Sardegna secoli di colonizzazione italiana non sono bastati a far capire ai sardi che dare voti a commedianti come questo non farà altro che aggravare i problemi della nostra terra.
  • vincero 27/08/2018 21:21:44

    io non vi darei niente........anzi vi darei i clandestini.......
  • wing1250 27/08/2018 19:39:51

    il povero dimaio sta collezionando una figura di m... dietro l'altra.
  • user214759 27/08/2018 18:26:32

    Diamo a Oettinger 20 miliardi di grane di migranti e vediamo se continua a fare lo spiritoso.
  • LORENZO_2007 27/08/2018 18:17:49

    Di Maio, almeno ora che parla a nome degli italiani, dovrebbe studiare un minimo. Lo stretto necessario da non farsi ridicolizzare ...
  • user238504 27/08/2018 17:49:57

    Di Maio non è molto bravo in matematica e sicuramente non ha fatto in tempo a chiedere qualcosa a Tria. Cosi' la spara grossa subendosi una cazziata da chi conosce i conti piu' di lui.