Cronaca » Olbia

Moria di cozze, il Comune di Olbia dichiara lo stato di calamità naturale

Venerdì 24 Agosto alle 20:01 - ultimo aggiornamento Sabato 25 Agosto alle 15:17


La Assl ha messo i dati nero su bianco, in alcuni casi, l'alta temperatura dell'acqua del mare, ha ucciso il cento per cento delle cozze nei filari del golfo di Olbia.

Oggi è arrivato il provvedimento atteso dai mitilicoltori, l'atto che rende possibili le richieste di risarcimento alla Regione. Il Comune di Olbia ha dichiarato lo stato di calamità naturale. In una nota del sindaco Settimo Nizzi, si legge: "Non c’è tempo da perdere. Oggi stesso, con tre giorni di anticipo rispetto alle previsioni, abbiamo dichiarato con una delibera di giunta e con le previste dichiarazioni di legge da parte della Assl e della Capitaneria di Porto di Olbia, lo stato di calamità naturale in seguito alla moria di mitili del nostro Golfo".

Il problema è l’eccezionale innalzamento della temperatura del mare.

"La mitilicoltura è uno dei comparti più importanti dell’economia del nostro territorio e può costituire un volano per tutta l’isola. – prosegue Nizzi – in questo modo andiamo incontro alle esigenze delle aziende e dei lavoratori del comparto, cosa che ci sta particolarmente a cuore, e proteggiamo un settore di grande importanza che contribuisce a diffondere l’immagine di Olbia in tutto il mondo".

Lo stato di calamità è stato dichiarato in seguito alla riunione che si è tenuta ieri nella quale il Sindaco ha incontrato i mitilicoltori ed ascoltato le loro esigenze e dopo aver ricevuto gli atti di competenza della Assl n. 2 e della Direzione Marittima di Olbia necessari per l’adozione del provvedimento.

Andrea Busia

***

IL SERVIZIO DEL TG DI VIDEOLINA:

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

2 commenti

  • studioroma 24/08/2018 22:43:58

    con tutto il rispetto per il danno economico, ma non capisco perché questi se subiscono un danno economico devono essere risarciti dalla regione per una attività che non era di beneficienza, ma semmai con tanto di guadagni, mentre se un negozio in via garibaldi va a male e fallisce il povero privato anonimo fallisce punto e basta senza aiuti. vorrei capire queste particolari differenze
  • arpier 24/08/2018 21:43:14

    Ma quelle vendute e mangiate in queste ultime settimane in che condizioni erano? La settimana scorsa, al giorno dopo che ho mangiato in un ristorante di Olbia le cozze, sono stato di un male...