Cronaca

Riecco al-Baghdadi, a un anno dall'ultimo messaggio: "Colpite l'Occidente con auto e bombe"

Giovedì 23 Agosto alle 14:47 - ultimo aggiornamento alle 16:35


Abu Bakr al Baghdadi (foto Ansa)

In molti lo davano per morto o in fin di vita. E invece rieccolo, vivo più che mai: lo Stato Islamico ha diffuso su Telegram un nuovo audio del suo leader Abu Bakr al Baghdadi.

Lo fa sapere il gruppo Site, che monitora le attività online degli jihadisti: un messaggio che dura circa 55 minuti, e che arriva a quasi un anno dall'ultimo messaggio del leader dello Stato Islamico, che risale al 28 settembre 2017.

Il terrorista - in occasione della fine dell'Eid al-Adha, festa musulmana che segna la fine del grande pellegrinaggio alla Mecca - smentisce le notizie sulla sua morte e incita i suoi seguaci a continuare la guerra santa.

"Colpite per terrorizzare, portate attacchi con esplosivo o armi bianche sulle loro terre", è l'esortazione dell'autoproclamato califfo.

L'autenticità dell'audio non può essere confermata. Ma il messaggio, chiunque lo abbia proferito, è chiaro e inquietante: dopo le batoste in Siria e Iraq l'Isis ha abbandonato la strategia di realizzare uno Stato Islamico con il suo territorio e le sue leggi, e bisogna ripiegare sulla vecchia strategia del terrore, attaccandoci a casa nostra.

"La vittoria o la sconfitta non è nella conquista di una città o di un territorio, non dipende da chi possiede una supremazia aerea o missili intercontinentali, ma nella forza dei nostri soldati", continua l'uomo sulla cui testa pende una taglia Usa da 25 milioni di dollari. "Usate bombe, coltelli o automobili per attaccare l'Occidente. E resistete"

Un messaggio che non ha data ma dovrebbe essere abbastanza recente, visto che condanna l'Arabia Saudita per aver elargito 100 milioni di dollari a sostegno della Coalizione a guida Usa che opera nel Nord della Siria, cosa accaduta la scorsa settimana.

Un audio che secondo gli analisti è attendibile e che dà l'idea dell'esistenza di una "competizione molto profonda nel mondo jihadista per far prevalere un'ideologia piuttosto che un'altra e per riuscire ad imporsi in determinate aree".

(Unioneonline/L)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

2 commenti

  • Pietropaolo2 23/08/2018 16:56:51

    Il vigliacco per eccellenza non combatte mai ma manda gli altri a morire. Un esempio di codardia degno di ciò che rappresenta e del loro modo di fare guerra sui civili indifesi. I suoi adepti, sessualmente assatanati, si sacrificano convinti che avranno a disposizione 1.000 vergini una volta deceduti...... altro che per la religione !!
  • wing1250 23/08/2018 15:32:16

    si si ,colpite con auto e bombe e tricche tracche . che idiota questo al babadi , o che cavolo è ; ed in effetti adesso gli sono rimasti solo i suonati come esercito di fessi.