Cronaca » Egitto

Regeni, 200 accademici inglesi: "Non chiudere gli occhi su abusi del Cairo"

Giovedì 23 Agosto alle 07:16


Alcuni manifestanti (foto Ansa)

Duecento firme per una petizione, quella con la quale alcuni accademici inglesi accusa un gruppo universitario del Regno Unito di "chiudere gli occhi" sugli abusi dei diritti umani in Egitto, intraprendendo rapporti di collaborazione nonostante le "molte domande lasciate insolute dal rapimento e dall'omicidio di Giulio Regeni", il ricercatore friuliano che all'epoca studiava a Cambridge e che venne ucciso al Cairo nel gennaio del 2016.

Riportata dal sito Guardian, l'iniziativa fa riferimento al recente viaggio al Cairo di una delegazione di 11 università britanniche, con il sostegno del governo di Theresa May.

Secondo i firmatari la missione mira a stabilire scambi a livello di studenti e di ricerca, richieste congiunte di donazioni, e alla possibilità di creare campus internazionali in Egitto.

"I funzionari del governo e i manager universitari sembrano avere dimenticato che solo due anni fa Giulio Regeni è stato rapito, torturato e ucciso mentre faceva ricerca al Cairo - scrivono - . Giulio è uno dei molti studenti e accademici a essere stato arrestato, torturato, incarcerato e ucciso negli ultimi anni in Egitto, nel contesto di una sempre più ampia campagna di repressione che prende di mira l'opposizione politica, sindacati, società civile, media indipendenti e la professione legale", prosegue il testo.

Poi affermano: "Mettiamo in dubbio la saggezza e la legittimità di questa decisione di fare affari come sempre con un regime autoritario che in modo sistematico attacca ricerca, istruzione e libertà accademica".

(Unioneonline/s.a.)

 
nella foto paola regeni
Regeni, la mamma di Giulio annuncia lo sciopero della fame

 
una manifestazione in ricordo di regeni
Caso Regeni, la procura egiziana: "La lettera sull'arresto del ricercatore è falsa"

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • rosalux 23/08/2018 09:10:42

    Decisione cinica e insensata. Non credo che i promotori di questa iniziativa manderanno i loro figli o nipoti a studiare in un paese democratico come l'Egitto. Ma se qualche altro ragazzo viene martirizzato e ucciso, come Regeni e altri, che gliene frega?