Cronaca » Provincia di Cosenza

Tra le vittime Antonio, soccorritore a Rigopiano

Martedì 21 Agosto alle 13:45 - ultimo aggiornamento alle 16:35


Antonio De Rasis

Sono dieci le vittime accertate della tragedia del Parco del Pollino, in provincia di Cosenza, dove una trentina di escursionisti sono stati travolti dalla piena del torrente Raganello.

Alcune sono state già identificate.

Tra loro anche Antonio De Rasis, 32 anni, originario di Cerchiara di Calabria.

Volontario della protezione civile, era intervenuto per prestare soccorso dopo la valanga di Rigopiano del gennaio dello scorso anno.

Il suo zaino è stato trovato a valle, ad alcuni chilometri di distanza dal luogo della tragedia.

Nella tragedia è morta anche una ragazza di 14 anni.

I soccorritori hanno raccontato di averla trovata in costume da bagno.

A perdere la vita anche tre persone originarie della provincia di Napoli: una coppia di Qualiano, nel Napoletano: si tratta di Carmen Tammaro e Antonio Santopaolo.

Antonio Santopaolo e Carmen Tammaro
Antonio Santopaolo e Carmen Tammaro

Erano in vacanza in Calabria insieme alle loro due bambine di 10 e 12 anni, che si sono salvate, e con una coppia di amici, Maria Immacolata Marrazzo, di 43 anni, avvocato di Torre del Greco, che ha perso la vita, mentre il coniuge Giovanni Sarnataro è stato soccorso.

Travolte e uccise dall'esondazione del Raganello anche due giovani amiche: Miryam Mezzolla, originaria di Taranto, 28 anni, e Claudia Giampietro, 31, di Conversano, in provincia di Bari.

Claudia Giampietro
Claudia Giampietro

C'è inoltre una terza vittima pugliese: Gianfranco Fumarola, 43 anni, originario di Cisternino.

Lavorava come agente di polizia penitenziaria.

È morto in ospedale a causa di un trauma toracico.

I PARENTI DELLE VITTIME:

(Unioneonline/F)

 
uno dei ragazzi salvati dai soccorsi (foto ansa)
Calabria, piena del torrente: dieci escursionisti morti

 
i soccorsi (foto ansa)
La guida: "È un percorso senza via di fuga"

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook