Cronaca » Provincia di Reggio nell'Emilia

Sequestra e stupra la compagna per tre giorni, in manette

Martedì 21 Agosto alle 09:27 - ultimo aggiornamento alle 12:15


Immagine simbolo

Per tre giorni ha sequestrato la compagna, picchiandola e costringendola ad avere rapporti sessuali con lui.

I carabinieri della compagnia di Reggio Emilia hanno arrestato un 32enne con l'accusa di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali, sequestro di persona e violenza sessuale.

Ieri la compagna dell'uomo, 30 anni, si è presentata dai militari, raccontando di essere riuscita a scappare da casa dopo giorni di violenza e rapporti sessuali non consenzienti.

Soccorsa, la donna - che in passato aveva già denunciato il fidanzato - ha riportato una prognosi di 21 giorni.

Secondo quanto spiegato dalla vittima, il 16 agosto scorso i due avevano passato la serata assieme.

Intorno alle 2 del giorno dopo, l'uomo, attribuendo un tradimento alla donna, le si era scagliato contro con un bicchiere per poi colpirla con pugni e calci.

Le violenze, seguite anche da abusi sessuali, erano poi riprese nei giorni successivi quando la 30enne aveva detto al compagno di voler porre fine alla loro relazione.

Dopo tre giorni, la vittima è riuscita a scappare rubando le chiavi al compagno mentre lui faceva la doccia.

Inoltre, nella casa della coppia è stato trovato anche più di un grammo di cocaina.

Per questo l'uomo è sospettato anche del reato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.

(Unioneonline/F)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • user221034 21/08/2018 14:56:09

    eh ste belve di migranti! ah no, come al 90% è un indigeno quindi niente commenti con la bava alla bocca, chissenefrega